Il governo è come Mark Caltagirone

Salvini da Giletti

Il quesito che ora si presenta impellente, alla luce dello spettacolo imbarazzante andato in onda da Giletti, è capire a partire da quando “Non è la D’Urso” preferirà trasmettere in prima serata le vicende del governo piuttosto che gli “scoop” su Pamela Prati.

Il materiale per farci sopra una puntata c’è tutto. C’è il personaggio centrale: Salvini. L’arrogante per cui la routine è fatta di inviti ai giudici a candidarsi e minacce di denunce ai pm: insomma, uno pacifico.

Poi c’è Toninelli, il rissoso con gli occhiali. Quello che per una volta non c’entra niente e chiamato in causa da Salvini sullo sbarco di quei 47 disperati a bordo della Sea Watch trova dentro di sé un impeto di coraggio e un briciolo d’orgoglio:”Se vuole dirmi qualcosa me la dica in faccia”.

Ma è evidente che lo show non è abbastanza coinvolgente se sullo sfondo non c’è una storia d’amore. E allora ecco arrivare il leader mediterraneo, l’abbronzato Luigi Di Maio, lui sì che nell’amore con Salvini c’ha creduto. Da un po’ di tempo, però, ha capito che il loro era un rapporto a senso unico: a stare bene era solo Matteo. Così da qualche settimana ha tirato fuori il carattere, forse pure troppo. La sua vena polemica è onestamente irritante. Il dubbio che attanaglia i fan è capire se tiri la corda per romperla o per attirare a sé Salvini, per conquistarsi i propri spazi nella coppia.

In questi intrecci da Beautiful si muove la realtà. Quella di un esecutivo che per stessa ammissione di Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, trova che “governare diventa impossibile”. Perfino un Consiglio dei ministri diventa un ostacolo insormontabile, al punto che decreto Sicurezza-bis, decreto Natalità e per le autonomie diventano più che materie di discussione oggetto di scontro. Dunque speranza di non-incontro.

E’ tutto un “vediamo se il Cdm può slittare”, un “cerchiamo di farlo dopo le Europee”, “vediamoci ma scegliamo un altro ordine del giorno: magari ‘varie ed eventuali'”.

Va in onda lo stallo, il disfacimento dei rapporti umani e di lavoro, la fuga della realtà. Perché è evidente: il governo è come Mark Caltagirone. Non esiste.

Liberté, liberté

Dei 49 migranti gliene tolgono uno. Perché com’era già accaduto con la Sea Watch e con la Sea Eye quel numero maledizione torna a perseguitarlo: 49, come i milioni sottratti dalla Lega e finiti chissà dove. Ma per Matteo Salvini cambia poco, cinismo e razzismo sono la sua unica cifra, il solo modo che conosce per politicizzare un dramma.

Rispetto ai salvataggi precedenti, però, il dubbio che ad avere speculato sulla tragedia non sia stato Salvini solo, questa volta resta. Che la Mare Jonio di Mediterranea non si sia diretta verso i porti di Tunisia e Libia può risultare anche comprensibile. Meno che non abbia avvisato Malta. E addirittura sospetto che da subito abbia fatto rotta verso Lampedusa.

Quasi si sia andati alla ricerca del caso politico. Non tanto, come Salvini dice, per disturbare il voto in Parlamento sulla Diciotti, ma semplicemente per dare fastidio al governo, per far tornare d’attualità il dibattito sui migranti e sui “porti chiusi” che in realtà sono aperti.

Restano così le immagini e le voci degli unici innocenti di questi viaggi della speranza e dell’illusione. Gli applausi ritmici di 48 africani che festeggiano la possibilità di toccare nuovamente terra. Non ci avrebbero scommesso, ma ci hanno scommesso.

Coi loro modi, alla loro maniera, intonano canti di un mondo che ci appare lontano, eppure dista poche miglia marine. Sfuggiti ai lager libici, il solo sorriso è per loro, che riescono a farsi capire, e bene, quando urlano “liberté, liberté”.

Salvini, tranquillo: sono 49 migranti, non 49 milioni

Come una maledizione che torna a colpire. Quella del 49. Come i milioni della Lega svaniti nel nulla. Ma anche come i 49 migranti della Sea Watch e della Sea Eye, una manciata di disperati che da giorni vagano per mare in balia delle onde e degli umori di Salvini. Grottesco tutto, grottesca l’Europa muta, colpevole, inadeguata. Ridicolo Di Maio, che ostenta buon cuore chiedendo che ad essere accolti siano donne e bambini: sette di numero, su 49.

Accolti, sì. Sbarcati no. Perché evidentemente il problema è pure questo: d’immagine, di pugno duro da agitare fino in fondo, fino all’ultimo, perché non si può cedere, no che non si può, non prima delle Europee. Porti chiusi, insomma. E magari pure gli occhi, nel senso che è meglio far finta di nulla, pensare che un giorno in più nel Mediterraneo, esposti al freddo di gennaio, non potrà fare poi tutta questa differenza. No?

In tutto questo la numerologia è spietata: 49, colpito e affondato. E viene da chiedersi se Salvini sarebbe pronto a barattare i soldi che la sua Lega deve allo Stato con un gesto d’umanità senza costi, se non mediatici, politici, elettorali. Ne guadagnerebbe in termini di umanità, certamente. Ma il punto è che forse non possiede la sensibilità necessaria per percepire lo scarto stridente che passa tra questi due 49 così diversi. Verrebbe quasi da scrivergli, da dirglielo per tranquillizzarlo: sono 49 migranti, non 49 milioni, forza. Falli scendere, ministro.