Pure su Genova, la colpa è sempre degli altri

di maio genova

 

Sarà che dopo anni ad attaccare “il sistema” poi viene complicato immaginarsi parte del Palazzo. Sarà l’inesperienza, il prezzo da pagare nel passaggio da partito d’opposizione a forza di governo. Saranno queste e mille altre variabili, a determinare i tanti scontri istituzionali verificatisi in poco più di 100 giorni dall’insediamento dell’esecutivo. Ma se è vero il detto per cui tre indizi fanno una prova, qui ce ne sono abbastanza per dichiarare che il governo – e in particolare il MoVimento 5 Stelle – fatica ad assumersi le responsabilità dei propri errori.

Così è stato ad esempio per il decreto Dignità, quando una relazione tecnica della Ragioneria dello Stato ha sancito che il primo atto targato Di Maio avrebbe fatto perdere 8.000 posti di lavoro all’anno. In quel caso si chiamò in causa una misteriosa “manina”, colpevole di aver fatto “apparire” dal nulla quella stima. Come se il problema fosse chi quei numeri li aveva messi, e non la loro esistenza.

Poi è stata la volta del reddito di cittadinanza, con Rocco Casalino versione Padrino pronto a minacciare i tecnici del ministero dell’Economia: “O trovano i soldi oppure li facciamo fuori, questi pezzi di m***a”. E allora viene spontaneo domandarsi se le famose coperture di cui parlava fiero Luigi Di Maio in campagna elettorale non fossero altro che bugie, numeri presi a casaccio, promesse di tagli agli sprechi date in pasto ad un’opinione pubblica desiderosa di credere ad un sogno sempre più vicino a tramutarsi in incubo.

Infine è toccato a Genova fare i conti con lo stile del governo appena insediato. Promesse di soluzioni immediate, annunci di rese dei conti improcrastinabili, parole, parole, parole. E poi a 42 a giorni dal crollo del ponte Morandi non c’è uno straccio di decreto, un testo su cui Mattarella possa apporre la firma. Il motivo lo svela la Ragioneria dello Stato: mancano le coperture. Hanno inserito tante, apprezzabili, misure senza indicare dove troveranno i soldi per realizzarle. Ma ancora una volta viene fuori la natura scaricabarile dell’esecutivo. Stavolta è Palazzo Chigi a dire che da parte loro è stato fatto tutto bene, a lasciar intendere che sono gli altri, i soliti, i tecnici, quelli messi nei ministeri dagli avversari, a ritardare, frenare, ostacolare.

E’ un continuo richiamo alla forza occulta di un “sistema” cattivo, collaudato, inscalfibile. Anche adesso che sono classe dirigente, i 5 Stelle puntano il dito contro altri dirigenti. Dal decreto dignità al reddito di cittadinanza, fino ad arrivare a Genova: se una cosa va male è sempre colpa degli altri. E allora a cos’è servito assegnargli la “responsabilità” di governo?

Propongo Rocco Casalino al Grande Fratello Vip

rocco casalino

 

Dell’audio di Rocco Casalino hanno fatto più scalpore le minacce ai dipendenti del Mef e i toni sgarbati che non il dato politico più allarmante: per mesi, anzi anni, il M5s ha detto agli italiani che il reddito di cittadinanza era la risposta ai loro problemi. Di più: a chi replicava dicendo che la misura, oltre che sbagliata, era insostenibile dal punto di vista dei costi, Di Maio e i suoi hanno parlato di tagli qua, sforbiciate là e meno sprechi un po’ ovunque. “Ecco le coperture: le abbiamo, le vedete?“. Beh, dopo le parole di Rocco Casalino proprio no, non le vediamo più. Perché dicendo che o i dipendenti del Mef trovano i soldi  per il reddito oppure verranno fatti fuori dal ministero, Casalino ha svelato un’amara verità: quei soldi quindi non c’erano, quei numeri erano inventati. Bugie, nient’altro che bugie.

Ma che sarà mai, in quest’epoca, una frottola in più? La politica sotto forma di reality consente di sbagliare, tanto la prossima puntata con eliminazione può arrivare anche tra 5 anni, Salvini permettendo. E allora ecco che Casalino diventa un intoccabile: Conte gli conferma la fiducia, lo stesso fa Di Maio,. Nessuna nomination. E lui ad  abbandonare la nuova “Casa”, anzi il “Palazzo” (Chigi) non ci pensa né per ragioni di opportunità, né per propria dignità . Tanto è vero: ci sarà tempo per riconquistare il pubblico, altri scandali copriranno il suo. E poi, dovesse andar male, Rocco ha un’altra via: la strada di Cinecittà la conosce già. E in fondo ora che è famoso, ricco (forse anche troppo), potente, chi potrebbe negargli un posto nel cast del Grande Fratello Vip?

Reddito di cittadinanza o di nazionalità?

di maio reddito

 

L’ultimo autogol sulla Manovra che sta per essere partorita da un ministro dell’Economia sempre più vicino all’ingresso in un reparto di psichia-Tria è quello confezionato da Luigi Di Maio e Matteo Salvini sul reddito di cittadinanza. Va dato soltanto agli italiani, dice il capo politico del M5s. E figurarsi se non concorda quello del “prima gli italiani”.

Ma al netto della sorpresa che potrà suscitare in tanti la svolta razzista di Di Maio, resta il fatto che ancora una volta i due scagnozzi provano a ridisegnare, o ad ignorare, le norme che regolano uno Stato di diritto. A chiarire che la norma così pensata è inapplicabile è stato Valerio Onida, già componente di quella Corte costituzionale che sul punto, ha ricordato, “si è già espressa tante volte”. E il responso è stato chiaro: trattandosi di “un provvedimento di ordine sociale, che prevede un’assistenza sociale, non può essere limitato ai cittadini italiani”.

Allora qui sta forse il busillis. Che cosa si intende, o meglio, cosa si è inteso dire per anni, per reddito di “cittadinanza”? Sfogliando il dizionario, alla voce “cittadinanza” si legge questa definizione: “Vincolo di appartenenza a uno stato (o anche al comune), richiesto e documentato per il godimento di diritti e l’assoggettamento a particolari oneri: c. italiana, francese; ottenere la c.; certificato di c.“.

E allora pare chiaro che così come molti stranieri sono sottoposti a diversi oneri, su tutti quello di pagare le tasse in Italia, allo stesso modo debbano poter godere di certi diritti.

A meno che non vogliano parlare apertamente di un “reddito di nazionalità”. E respingere le accuse di razzismo, allora, sarebbe davvero complicato.

 

E allora il Pd?

orfini pd

 

Matteo Orfini non ha tutti i torti. E già il fatto che il presidente di un partito proponga di “ammazzare” il partito che presiede è sintomatico dello stato di salute di un movimento che ha fallito la sua missione.

Il Pd così com’è non ha motivo di esistere. Non perché molti dei suoi dirigenti non siano validi. Non perché alcune delle politiche che ha messo in campo in questi anni al governo non siano state giuste.

Il Pd è finito perché si è dilaniato, vittima del fuoco amico e nemico, bersaglio sempre immobile, e dunque più facile da centrare, ogni volta che in Italia qualcosa non funzionava. Lo dimostra l’espressione divenuta tormentone sui social: “E allora il Pd?“. Come dire: “C’è la fame nel mondo“. Sì, “ma allora il Pd?“.

Non tutte le responsabilità, sia chiaro, sono del Pd. Lo Zeitgeist, lo spirito del tempo, ha chiarito in più modi che non sono anni fertili per chi crede nel centro-sinistra. Sparito in Francia, marginale in Germania, sconfitto in Italia: l’Europa non è da tempo la culla della social-democrazia. Ma il “mal comune” non suscita neanche un “mezzo gaudio”.

Resta la domanda di fondo: “e allora il Pd?“. Pensare che basti convocare il Congresso, movimentare un po’ l’elettorato con le primarie e aspettare di raccogliere i delusi dal governo è un’illusione. Né può bastare cambiare nome, se poi alla guida del nuovo partito di centrosinistra torneranno i soliti nomi e i vecchi volti, se al suo interno confluiranno le stesse correnti e gli stessi spifferi che hanno contribuito a fare del Pd un condominio rissoso.

Serve piuttosto capire cosa vuol diventare il centro-sinistra in Italia. Un partito che guardi a Corbyn, che rinneghi il proprio moderatismo in favore di un “ritorno a sinistra”, oppure che scelga di autodeterminarsi come un “polo centrista”, un contenitore che a quel punto non potrà disdegnare neanche un’alleanza coi liberali provenienti da altre culture.

Bisogna scegliere. Se lo si vuole lo si faccia al Congresso. Che diventi un’occasione per riunirsi e sulla base del confronto si decida cosa si vuol diventare. Insieme o divisi. Per questo la domanda giusta, più che “E allora il Pd?”, sembra essere: “Allora, Pd?”.

Zitta, Europa: per il tuo bene

moscovici

 

L’ultima uscita di Pierre Moscovici, secondo cui l’Italia sarebbe “un problema per l’Europa”, è l’esempio di tutto ciò che l’Europa non deve fare se tra pochi mesi non vuole essere sepolta dalla valanga populista.

Non è più tempo di moniti, avvisi, interferenze da Bruxelles. In Italia c’è fortunatamente un Presidente della Repubblica come Sergio Mattarella che vigilia ogni giorno sull’operato (e sull’annunciato) del governo.

E nell’esecutivo ci sono anche persone serie come Giovanni Tria, il ministro dell’Economia, che non a caso paga il fatto di voler mettere al sicuro i conti con le minacce più o meno velate dei 5 stelle su una poltrona – la sua – che potrebbe scomparire nel caso in cui non si piegasse ai voleri della maggioranza. 

Allora a cosa servono, se non ad alimentare quel sentimento di insofferenza diffusa nei confronti dell’Europa, le parole di Pierre Moscovici? A cosa serve, se non a solleticare l’orgoglio nazionalista, il richiamo a quei tanti “piccoli Mussolini” che in nome del sovranismo realmente minano la stabilità del continente?

Non è la prima volta. E non sarà nemmeno l’ultima, credo. Ma Salvini e Di Maio non hanno problemi ad incrementare i propri consensi in attesa che le opposizioni decidano di svegliarsi dal torpore e capire che prima delle ideologie del Novecento viene oggi la necessità di mettere al riparo la democrazia di questo Paese.

Per questo motivo i due vicepremier e i rispettivi partiti non hanno bisogno di altri regali dai propri avversari.

Perciò, Europa, aiutaci ad aiutarti. Stai zitta, non parlare dell’Italia. Almeno per un po’. Fallo per te, se non vuoi farlo per noi.

Il ministro del non-Lavoro

di maio lavoro

 

Come se non avesse ben compreso il proprio ruolo, Luigi Di Maio continua ad interpretare il suo impiego da ministro del non-Lavoro. E non è un lapsus, una forzatura, una critica sterile figlia di pregiudizi. Basta vedere gli atti, le promesse, gli annunci di questi primi mesi di governo per rendersi conto che Di Maio sta operando in maniera tale che tempo qualche anno e il suo ministero verrà chiuso per inutilità alla causa.

In principio fu il reddito. Quello di cittadinanza, una misura assistenzialista, che avrà come unico risultato quello di spingere i furbetti di turno a trovare escamotage ogni volta diversi per prolungare il periodo di nullafacenza retribuito.

Poi arrivò il Decreto Dignità, il primo atto del governo: e se il buongiorno si vede dal mattino sarà una lunga notte. Un’accozzaglia di misure caratterizzate da una visione chiusa, arcaica, superata del mondo del lavoro, scritte apposta per penalizzare le imprese, addirittura dannose in termini di occupazione, dal momento che causeranno la perdita di 8mila posti l’anno.

E infine c’è l’ultima perla: i negozi chiusi la domenica. Una sparata prima “integrale”, poi corretta con l’aggiunta di una turnazione secondo cui il 25% dei locali resterà comunque aperta (grazie). La motivazione ufficiale del Di Maio-pensiero è che le liberalizzazioni stanno distruggendo le famiglie italiane, che la gente lavora così tanto che genitori e figli a casa neanche si vedono più. Beato lui che vede così tanto lavoro in giro.

Per salvare veramente le famiglie, forse, bisognerebbe tentare di agire sui redditi, di incentivare gli acquisti e le assunzioni, di rimettere in moto il mercato, di assicurare un futuro ai giovani e almeno un presente ai loro genitori.

Bisognerebbe aiutare il lavoro, non toglierlo del tutto.

Razzismo, in Italia arriva l’Onu: grazie Salvini

salvini onu

 

Per qualcuno sarà la solita esagerazione, l’intervento non richiesto di chi dovrebbe preoccuparsi di ben altre questioni. E forse è vero, ci sono situazioni più urgenti nel mondo (Siria e Libia per citarne un paio) dove l’intervento dell’Onu è non solo auspicabile ma necessario, dovuto.

Ma che a poco più di tre mesi dall’insediamento del nuovo governo l’Italia finisca nel mirino delle Nazioni Unite come luogo di “violenza e razzismo” la dice lunga sulla deriva presa dal nostro Paese. Segnatevelo: di questo nuovo “assalto esterno” ne godrà Salvini, che aggiungerà altro materiale al suo racconto tutto personale delle “intrusioni” della casta, dei poteri forti che vogliono sovvertire il nuovo ordine scelto dagli elettori.

Ma intanto resta l’infamia sull’Italia, passata nel giro di 100 giorni dal Paese dell’accoglienza a quello che crea “conseguenze devastanti per molte persone già vulnerabili”. Sappiamo di non essere questi. Ma questi siamo per chi ci guarda da fuori. Al punto che l’Onu invierà un suo team per monitorarci, per controllare da vicino la situazione. Da nazione valorosa a Paese problematico. Questo sì, in tempi record. Grazie Salvini.

La nuova casta

salvini cernobbio

 

I tempi cambiano. E ciò che ieri sembrava impossibile è oggi realtà. Succede così che a rappresentare il governo a Cernobbio, al Forum Ambrosetti che racchiude il gotha dell’economia e della finanza vada Matteo Salvini.

Lo stesso che fino ad un paio d’anni fa, invitato a partecipare all’incontro che ogni settembre si tiene sul Lago di Como opponeva un rifiuto quasi sdegnato:”Cernobbio? Mi sembra il concerto sul Titanic”.

Ma i violini, mentre la nave va a fondo, stavolta li suona proprio la sua Lega. Accompagnata da Giuseppe Conte, per una volta presente il presidente assente, l’uomo che rifiuta le ospitate televisive per evitare di trovarsi in imbarazzo, incerto tra un sì e un no, sempre a metà tra un ni e un boh.

E poi c’è Di Maio, che dalla Fiera del Levante di Bari prova a dettare un po di agenda: Tap no, centri commerciali aperti di domenica no, liberalizzazioni no. Come se ingrossare una macchina dello Stato già di per sé ingolfata non fosse un errore. Come se aumentare il carico invece che snellire fosse la ricetta giusta.

Ma tant’è. Da Bari a Cernobbio. Comandano loro. La nuova casta.

Salvini dimmi con chi vai e ti dirò chi sei

bannon salvini

 

Si può essere o meno sostenitori di Matteo Salvini, a patto di riconoscerlo per ciò che è. Si può legittimamente scegliere di votare per la Lega, applaudire le invettive “populiste” del leader più “popolare” del momento, ma non si può vivere nel mondo delle favole, non si può abdicare al senso di realtà.

C’è un proverbio che recita:”Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”. E allora chi è Salvini? Salvini è quello nella foto con Steve Bannon. Lo stratega che è stato il vero artefice per la vittoria di Donald Trump in America. E fin qui nulla di male, se non fosse per le sue idee.

Bannon è un razzista, e di questa definizione ne va fiero. Negli Usa è il mito dell’ultra-destra, è l’idolo dei militanti del Ku Klux Klan, dei suprematisti bianchi che i neri fosse per loro li eliminerebbero dalla faccia della Terra. Bannon è il fondatore di Breitbart, il sito che a colpi di fake news ha contribuito ad diffondere balle di cui parte dell’elettorato è ormai convinto, ad aumentare la percezione di pericoli provenienti dall’esterno in realtà inesistenti (vi ricorda qualcosa?).

Bannon, però, è soprattutto l’uomo che vuole distruggere l’Europa. Per farlo ha creato The Movement, una fondazione che, parole sue, vuole innescare una “rivoluzione di destra” e la “nascita di un blocco populista pan-europeo” capace di “scardinare il sistema”. L’hanno ribattezzata “internazionale sovranista”. Dentro ci sono già Marine Le Pen, gli estremisti tedeschi di AfD. E da oggi c’è pure Salvini.

Basta saperlo, basta ammetterlo anche a se stessi. Poi ognuno faccia la sua scelta. Libera, finché può.

Salvì Babà e i 49 milioni

matteo salvini

 

Nel suo “Inno alle Muse”, Solone spiega che gli eccessi umani agli dèi non piacciono. E per questo motivo ad essere puniti possono essere non solo i responsabili di tali eccessi, ma pure la loro discendenza.

Se dunque è vero, come diceva il politico ateniese, che le colpe dei padri ricadono sui figli, allora è giusto che Matteo Salvini sconti un prezzo per la “presunta” (ancora la sentenza è di primo grado) truffa ai danni dello Stato da 49 milioni di euro della Lega targata Umberto Bossi e Francesco Belsito.

Lui che della Lega è stato militante, attivista e adesso indiscusso leader, non può pensare di archiviare l’intera pratica come un “processo alla storia” che non lo riguarda. Non è mai simpatico che la magistratura entri in tackle nella vita politica di un Paese. Né conosco i motivi che hanno spinto i magistrati di Genova ad accogliere il ricorso alla Procura e ad autorizzare la confisca dei futuri versamenti fino alla somma di 49 milioni in presenza di una sentenza non definitiva.

Ma Salvini non può scaricare tutte le responsabilità di questa sentenza alla vecchia dirigenza. Lui è l’erede di quella Lega. Un Carroccio diverso, lontano anni luce dal partito che fu di Umberto Bossi. Ma comunque Lega era e Lega è.

Si assuma le sue responsabilità. Scelga, se vuole, di abbandonare quel nome e ripartire da zero. Ma non pensi di continuare con la narrazione dell’accerchiamento da parte della magistratura.

Come per l'”Apriti sesamo” di Alì Babà e i 40 ladroni. Adesso Salvì e i 49 milioni. Quando c’è un saccheggio, tocca sempre a qualcuno risponderne. Stavolta spetta a lui.