Conte su Marte

Giuseppe Conte ha visto arrivare all’orizzonte “un anno bellissimo”. Lo ha visto lui solo, però. E noi ce lo siamo posti il quesito. Ce le siamo fatte due domande.

Che il nostro presidente del Consiglio, oltre che avvocato del popolo, sia anche un illuminato visionario? E non è che per caso, per sbaglio, a dispetto di tutti i maggiori istituti nazionali e mondiali, da Bankitalia fino al Fondo Monetario Internazionale, l’unico a vederci giusto sia stato proprio lui?

Difficile, improbabile, ma non impossibile. Poi, però, in una fredda domenica mattina di febbraio capita di incappare in una sua intervista al Corriere, e allora lì al beneficio del dubbio rinunci, al margine d’errore dei vari istituti non credi.

Conte sostiene che l’ipotesi di un voto nel 2019 proprio non la riesce a vedere. E va bene – ti dici – ci può stare una difesa ostinata del suo governo, in fondo quando gli ricapita?

Nega che possa essere un problema una Lega che alle Europee sfonda e di contro un MoVimento 5 Stelle che arranca. E ok – di nuovo – in fondo è pur sempre uomo di Di Maio, che deve dirti?

Poi però inizia a pontificare sullo spread, a dire che è giusto dargli un peso economico, non politico. E a questo punto pensi che all’avvocato del popolo sfugga un concetto basico: la politica è economia.

A questo punto speri sia finita, ma finita non è. Il premier si ostina a negare la possibilità di una Manovra correttiva. Che è nei fatti. Segnatelo. Resta solo da capire se a farla sarà il suo governo o quello che ne raccoglierà le macerie.

Ed è qui, proprio qui, che raggiungi l’incresciosa consapevolezza che da “il 2019 sarà un anno bellissimo” fino a “escludo una manovra correttiva” c’è un solo, unico, filo conduttore, una granitica, incrollabile certezza: non sei tu il pessimista, non sbagliano tutti gli altri, è lui, Conte, che vive su Marte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.