Merci, Macron

L’intervista di Fabio Fazio ad Emmanuel Macron, per quanto accondiscendente possa essere stato il conduttore di Che tempo che fa – di cui continuiamo a rimpiangere enormemente la versione di Quelli che il calcio – ha messo in evidenza il dislivello politico e culturale tra chi oggi guida la Francia e tiene le redini dell’Europa, e chi invece in Italia semplifica tutto con slogan, selfie di nutella a colazione e frappe a cena (che non a caso al Sud vengono chiamate “chiacchiere”).

Macron ha capito che scendere sul piano del populismo sfrenato contro Salvini e Di Maio non porta risultati. La regola è quella che ogni stratega dovrebbe conoscere: se vuoi battere il nemico evita di sfidarlo sul suo terreno preferito. La contromossa in questo caso si traduce nell’accettare un esercizio più faticoso: spiegare pazientemente i problemi complessi di quest’epoca, quelli che attanagliano non solo l’Italia ma tutto l’Occidente.

Uno dei passaggi non a caso più interessanti dell’intervista di Macron è quello in cui ha ricordato che l’Europa non è un’isola. Le sue vicende sono condizionate da ciò che accade in Africa e in Medio Oriente. La paura dell’apertura che porta alla chiusura, la tentazione di sottrarsi ad una globalizzazione che avviene anche senza il nostro consenso, sono concetti ribaditi con forza ma senza arroganza in un’intervista che ha avuto il merito di far conoscere un lato inedito di Macron, quello di innamorato dell’Italia e di Napoli. Il richiamo ad Eduardo De Filippo, che per lui e Brigitte ha svolto il ruolo di Cupido, e quello a Stendhal, secondo cui “in Europa ci sono due capitaliParigi e Napoli” sono, per chi ascolta con malizia, un ruffiano tentativo di ingraziarsi il popolo partenopeo (perché mai? E a che scopo?), per tutti gli altri un orgoglio che bilancia il pericoloso disinteresse per le sorti del Meridione mostrato dal governo.

La mossa più intelligente di Macron, però, è stata forse quella di ignorare Salvini e Di Maio. Come si fa con i prepotenti per farli imbestialire: non gli si dà troppo peso. Problemi tra Italia e Francia? “Peripezie non gravi”. Tensioni che minano le relazioni tra alleati? “Non scherziamo. C’è Mattarella”. Ecco, è un lavoro di fioretto, non di sciabola. Ma è l’unico possibile per tenere l’Europa unita, per archiviare Salvini e Di Maio, derubricandoli ad incidenti di percorso.

Ringraziandola per la lezione di politica ai nostri (purtroppo) rappresentanti: merci, Macron.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.