Biden scarica Cuomo: terremoto a New York, “deve dimettersi”

Un terremoto politico. Difficile descriverlo in maniera diversa. La notizia delle indagini interne avviate dalla procuratrice generale Letitia James hanno portato a conclusioni scioccanti (ma neanche troppo sorprendenti): il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, “ha molestato sessualmente diverse donne, molte di loro giovani, violando le leggi statali e federali“.

Ad accusarlo sono undici donne. Ma non è finita qui. L’esponente del Partito Democratico americano avrebbe messo in atto anche delle rappresaglie contro chi ha tentato di denunciare la sua condotta, creando all’interno dei suoi uffici “un clima di paura e di intimidazione“.

Ci sono le prove“, ha detto Letitia James, che ha interrogato Cuomo nel mese di luglio, sotto giuramento, mettendolo sotto torchio per 11 ore.

La notizia di questi minuti è che il presidente Biden ha assunto una posizione inequivocabile. Fino ad oggi, nonostante delle accuse di molestie si parlasse da tempo, l’inquilino della Casa Bianca aveva preferito temporeggiare in attesa di atti concreti. Questi sono arrivati: la mossa di Letitia James prefigura reati gravi, che potrebbero condurre presto ad un’incriminazione del governatore da parte della magistratura newyorchese, con capi di accusa di natura anche penale.

Da qui la svolta di Biden: “Deve dimettersi dal suo incarico”, ha detto il presidente, elogiando “le donne che hanno avuto il coraggio di parlare e di dire la verità“.

Cuomo dal canto suo si è difeso mostrando diverse foto con molte personalità che lo ritraggono nell’atto di prendere il viso con le mani o abbracciarle affettuosamente. Si tratta, ha detto, di una gestualità che ha ereditato dalla sua famiglia, un retaggio della sua educazione, così come usare l’espressione “ciao bella!“.

Cuomo ha aggiunto: “Io bacio le persone sulla fronte, bacio le persone sulle guance, uomini e donne. A volte chiamo le persone amore, tesoro, a volte dico delle battute, ma l’intento è solo di mettere le persone a loro agio, nessuna molestia sessuale. E a chi vuole usare questo momento per screditarmi e delegittimarmi, dico solo che io guardo le mie figlie tranquillo, con la coscienza a posto“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.