Vogliono mistificare Draghi! Cos’ha voluto dire (davvero) sul Reddito di cittadinanza

Nel saluto ai cronisti prima della pausa estiva, Mario Draghi, interrogato sulla possibilità di riformare il Reddito di cittadinanza, ha risposto testualmente: “E’ troppo presto per dire se verrà ridisegnato, se verrà riformato, come cambierà la platea dei beneficiari. Quello che però vorrei dire è che il concetto alla base del Reddito di cittadinanza io lo condivido in pieno“.

E’ bastata questa frase per scatenare i 5 Stelle. “Ecco, vedete, aveva ragione Beppe: Draghi è un grillino!”. Di più: tutte le critiche fatte in questi anni al reddito di cittadinanza erano sbagliate. “Se lo dice un economista come Draghi dovete ammetterlo!”.

Niente di più falso. In realtà stiamo assistendo ad una mistificazione.

Dire di essere d’accordo con il concetto alla base del Reddito di cittadinanza non significa approvare “questo” Reddito di cittadinanza.

Per intenderci: nessuno in Italia è contrario a sostenere le fasce di popolazione maggiormente in difficoltà. E tutti i partiti sono concordi nel pensare a delle misure di supporto per le fasce meno abbienti. Ne è la prova il fatto che governi di tutti i colori hanno approvato, nel corso degli anni, provvedimenti volti ad incidere su questo aspetto.

Aggiungo: se a questa misura di sostegno si somma l’intento di qualificare chi riceve il contributo in denaro per inserirlo nel mondo del lavoro, si è dinanzi non solo ad un intervento meritevole, che ha come obiettivo quello di sostenere le persone povere, ma persino utile, perché comporta un impatto anche a livello occupazionale.

In sintesi: nessuno può essere concettualmente contrario al Reddito di cittadinanza così descritto.i

Il punto, però, qui è un altro: essere contrari al Reddito di cittadinanza così com’è strutturato in Italia.

Quel che non è possibile condividere è una misura improntata al sussidio permanente, tale da sconsigliare il cittadino dal cercare un lavoro (“tanto ho il reddito di cittadinanza”) e del tutto ininfluente sul fronte delle politiche attive del lavoro.

Quindi attenzione: Draghi non ha detto di convidere il Reddito di cittadinanza, ma il concetto che ne è alla base!

Occhio dunque alle interpretazioni strumentale: chi ha costruito una carriera sulla capacità di mistificare la realtà è già all’opera!

Se apprezzi il mio lavoro: clicca qui e fai una donazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.