Papa Francesco: “Un infermiere mi ha salvato la vita. Dimissioni? Dico…”

Papa Francesco parla con Radio Cope, l’emittente della Conferenza episcopale spagnola. Un’ora e mezza di dialogo in quella che è la prima intervista dopo l’operazione per stenosi diverticolare.

Si parte ovviamente dalla domanda più importante: “Come sta papa Francesco?“. Risposta accompagnata da un sorriso: “Sono vivo“. E se può dire di esserlo, è sì grazie a Dio, ma anche grazie ad un infermiere italiano che gli ha “salvato la vita“. Il Papa parla dell’infermiere come di “un uomo con oltre 30 anni esperienza“, che ha insistito perché si operasse: “Mi ha salvato la vita! Mi ha detto: ‘Deve fare un’operazione’”. E questo al netto del parere contrario di alcuni medici che suggerivano invece una cura “con gli antibiotici“. Un consiglio provvidenziale quello dell’infermiere, visto che l’intervento ha rilevato una sezione necrotica.

Adesso, dopo l’operazione, rivela Francesco, “ho 33 centimetri di intestino in meno”. Eppure, garantisce, la sua è una vita “totalmente normale. Posso mangiare tutto” e, prendendo “i medicinali adeguati“, mantenere la fitta agenda.

Bergoglio smentisce in maniera categorica la ricostruzione di alcuni giornali italiani, secondo cui il Papa avrebbe pensato a rassegnare le dimissioni: “Non mi è mai passato per la testa…Non so da dove abbiano preso l’idea che mi sarei dimesso!”. Non senza ironia, il Papa spiega di aver appreso questa tesi diverso tempo dopo rispetto alla loro uscita: “Mi hanno anche detto che la settimana scorsa era di moda. Eva (Fernández, la corrispondente per l’Italia e il Vaticano di Cope ndr) me l’ha detto… e io le ho detto che non ne avevo idea perché qui leggo solo un giornale al mattino, il quotidiano di Roma. Lo leggo perché mi piace il modo in cui ha un titolo, lo leggo velocemente e basta, non mi faccio coinvolgere dal gioco. Non guardo la televisione. E ricevo, sì, più o meno il resoconto delle notizie del giorno, ma ho scoperto molto più tardi, qualche giorno dopo, che c’era qualcosa sulle mie dimissioni. Ogni volta che un Papa è malato c’è sempre una brezza o un uragano di Conclave”.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.