Lavrov durissimo con Di Maio: “Strana idea di diplomazia, impari la professione”

Mentre il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, assicurava questa mattina all’AGI che si era ancora al lavoro per organizzare un incontro fra Draghi e Putin a Mosca, il ministro degli esteri Luigi Di Maio riferiva in Parlamento che non potranno “esserci nuovi incontri bilaterali con i vertici russi finché non ci saranno segnali di allentamento della tensione, linea adottata nelle ultime ore anche dai nostri alleati e partner europei“.

Un evidente cortocircuito, ma soprattutto una posizione che ha fatto storcere non poco il naso a Mosca, e in particolare all’esperto ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov. Da Mosca si definisce infatti la sortita di Di Maio “una strana idea di diplomazia“, col dicastero russo alterato al punto da osservare che la diplomazia “è stata inventata solo per risolvere situazioni di conflitto e alleviare la tensione, e non per viaggi vuoti in giro per i Paesi ad assaggiare piatti esotici ai ricevimenti di gala“.

Un commento durissimo, cui bisogna aggiungere la stoccata finale: “I partner occidentali devono imparare a usare la diplomazia come professione“.

Un modo per sottolineare che Di Maio non sa svolgere il suo lavoro da ministro degli Esteri?

Un commento su “Lavrov durissimo con Di Maio: “Strana idea di diplomazia, impari la professione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.