M5s, Conte chiede un plebiscito contro Di Maio e Draghi

Giuseppe Conte chiama a raccolta gli iscritti M5s: domenica 27 e lunedì 28 marzo, annuncia, “sarete chiamati nuovamente a votare per confermare il mio ruolo di presidente e la nuova struttura del Movimento 5 Stelle“. L’avvocato fa una precisazione: chiede una forte investitura della base, per continuare a tenere le redini del Movimento: “Non mi interessa prendere il 50,1% dei voti, anzi: vi dico sinceramente che se il risultato fosse così risicato sarei il primo a fare un passo indietro. A fronte di un risultato così di misura, lascerei il Movimento che in questo momento ha bisogno di una leadership forte“.

Ecco, sarebbero anche parole apprezzabili, intenti coraggiosi, se non fosse questo il quesito cui saranno chiamati a rispondere gli iscritti M5s:

Ancora una volta Conte compete senza rivali, fa la gara su se stesso. E dinanzi ad un appello del genere sarebbe clamoroso non ottenesse una percentuale bulgara. La sensazione è che l’ex premier voglia approfittare dell’attuale congiuntura per liberarsi dei suoi avversari, interni ed esterni.

Gli attacchi a Di Maio, Draghi e al Pd

Consapevole di dover calciare un rigore a porta vuota, chiede che l’eventuale gol valga ad eleggerlo campione del mondo. Lo si intuisce quando afferma che “allo stesso modo, in caso di una mia decisa riconferma le cose inevitabilmente cambieranno“.

Conte dice infatti di aver messo in atto un cambiamento “che ha incontrato anche al nostro interno delle difficoltà, delle resistenze, ha prodotto alcuni malumori, dei distinguo: (…) questo ha richiesto una dose aggiuntiva di pazienza. Ora però non possiamo più permetterci questa debolezza“. Non lo cita espressamente, ma è chiaro si riferisca a Luigi Di Maio quando dice di non poter “accettare che ci sia chi rema contro le nostre battaglie, non posso consentire che di fronte all’interesse di molti, di un’intera comunità, ci sia chi proprio al nostro interno lavora per interessi propri“.

L’identikit dell’antagonista immaginario viene d…

Un commento su “M5s, Conte chiede un plebiscito contro Di Maio e Draghi

  1. Lo 0,x% degli elettori italiani deciderà sulla fine del governo italiano pilotando il 33% dei parlamentari. Questo è il mostro progettato da Casaleggio padre con l’aiuto del pifferaio pazzo, Grillo. Di geniale in questo disegno io non ci vedo un bel niente, credo, invece, emerga solo una buona dose di follia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.