Gelmini-Ronzulli, dentro l’ultima guerra in Forza Italia

Un’idea della magnitudo dell’ultimo terremoto registrato in Forza Italia la si avrà venerdì 20 maggio alle ore 19:00. Minuto più, minuto meno. Sarà allora che Mariastella Gelmini prenderà la parola alla Mostra d’Oltremare di Napoli, alla convention di partito fortemente voluta da un Berlusconi descritto come “rivitalizzato” dal bagno di folla andato in scena poche settimane fa a Roma.

Il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie parlerà nell’ambito del panel “Nord-Sud: la Forza che unisce“. Un titolo che alla luce di quanto accaduto negli ultimi giorni sta creando non pochi imbarazzi. Perché di unito, in Forza Italia, ultimamente c’è poco.

Prova ne sia il fatto che nessuno ha avuto il coraggio di smentire lo sfogo andato in scena a Sorrento, qualche giorno fa, durante la “Cernobbio del Sud” organizzato da Mara Carfagna.

Nel giardino di Villa Zagara, Mariastella Gelmini ha preso sotto braccio Antonio Tajani ed ha fatto sgorgare tutta la propria delusione: “La Ronzulli porterà allo sfascio il partito. Io mi sono stancata. Non credo di meritarmelo. C’è un odio nei miei confronti. Vuole sfregiare i miei uomini. Sulla Lombardia sta decidendo tutto lei. Vuole sfregiare uomini vicini a me. Lei punta a sfasciarci. Chi le sta antipatico viene tagliato fuori“.

Raccontano di un Tajani in difficoltà, al punto da opporre alla Gelmini un contro-sfogo: “Ma tu lo sai cosa significa mettere d’accordo tutti? Ci sei tu. Licia. Poi c’è la Bernini. La Casell…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.