Kosovo e Serbia sull’orlo di un conflitto: incontro in extremis per salvare il salvabile

Doveva essere oggi, sarà domani: ma sveglia presto, e accontentiamoci, perché l’incontro tra il presidente della Serbia, Aleksandar Vucic e il premier del Kosovo, Albin Kurti, è forse anche l’ultima (l’unica) possibilità per scongiurare il rischio di una guerra nei Balcani.

Si comincia alle 8:00, a Bruxelles. Alla presenza e su invito di Josep #Borrell, ruolo ufficiale: Alto Rappresentante per la politica estera UE. Ma per me resta l’uomo che qualche tempo fa ha usato questa straordinaria (e poco elegante) metafora: “L’Europa è un giardino. La maggior parte del resto del mondo è una giungla. La giungla potrebbe invadere il giardino”.

Sarà lui a cercare l’impresa che finora nessuno è riuscito a realizzare: mettere d’accordo Vucic e Kurti, Serbia e Kosovo. Si partirà, inevitabilmente, dalla questione targhe. Non fosse altro per un fatto: da domani chi non è in regola sarà chiamato a pagare al Kosovo una multa da 150 euro. I serbi del nord del Paese non sembrano così propensi.

Cosa filtra alla vigilia dell’incontro? Certo non ci sono buone sensazioni. È lo stesso presidente Vucic a dichiarare che “non sono ottimista, ma andrò. E non perché penso che possiamo fare qualcosa, ma per non dare loro la cosiddetta ‘ra…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *