L’Italia è Mes male

Per comprendere la cronaca di oggi bisogna fare un salto nella storia di ieri. L’ultima grande crisi, quella del debito sovrano. Corre l’anno 2011: i giganti europei ed economici mondiali vogliono commissariare l’Italia. Al vertice di Cannes tutto è pronto per la Troika. Stiamo per fare “la fine della Grecia”. Il premier è Silvio Berlusconi, che non vuole cedere al piano di assistenza per l’Italia. Indebolito dalle inchieste giudiziarie, deriso dai partner europei (ricordate Merkel e Sarkozy?), ormai è chiaro a tutti che il leader di Forza Italia è a fine corsa. Sarà, ma alla fine in quel summit fa irruzione un signore di nome Barack Obama che sorprendentemente pronuncia queste parole: “I think Silvio is right“. Penso che Silvio ha ragione. Morale della favola: la parabola di Berlusconi è comunque ai titoli di coda. Ma l’Italia è salva.

Ora torniamo al presente. 9 aprile 2020, Eurogruppo. L’Italia di Giuseppe Conte si presenta al tavolo delle trattative per fronteggiare il coronavirus con una frase che è una sentenza: “Mes no, eurobond sicuramente sì“. Il nostro premier ha giocato d’azzardo. Ha fatto la voce grossa in tv e sui giornali. Ha minacciato: “O così o facciamo da soli“. Grave errore: pensare che politica interna e politica estera coincidano. Conte non ha considerato che dall’altra parte del tavolo da poker c’è una giocatrice navigata, esperta. Angela Merkel non sarà ricordata come una statista europea, ma sa bene come vincere la partita della Germania, è il suo sport preferito da 15 anni a questa parte. La cancelliera vede il bluff di Conte, al suo cospetto è un novellino. Giù le carte: Merkel ha il punto e il nostro presidente del Consiglio no. Niente Eurobond, sì al Mes per chi vorrà utilizzarlo. La sostanza è questa. I tweet esultanti di Gualtieri e Gentiloni sono il tentativo (comprensibile) di indorare la pillola. L’Italia ha perso. Almeno per ora. E stavolta nessun presidente americano è intervenuto per dire: “I think Giuseppi is right“.

Poi ci sono le strumentalizzazioni, le solite della destra sovranista, quelli che “Gualtieri ha svenduto l’Italia” e via dicendo. Siamo sul terreno friabile della campagna elettorale, della narrazione distorta per macinare like, voti, rabbia e furore. Lasciateli perdere. La questione è drammaticamente più semplice: Conte ha sfoggiato i muscoli convinto di fare paura a qualcuno. Poi è arrivata Merkel e con un ago lo ha sgonfiato. Lezione per il futuro. Sperando ci sia tempo per rimediare. L’Italia è Mes male.

Non arretrano di un millimetro. Ma di decimali sì

 

Per due mesi, da quando cioè è diventata ufficiale la mossa suicida di impostare la Manovra con un deficit al 2,4%, Salvini e Di Maio hanno accusato chiunque criticasse quelle percentuali di essere “servo dell’Europa”. Questa, nel migliore dei casi, era la critica rivolta a quanti – noiosi che siamo – si preoccupavano di mettere in guardia il governo: guardate che i conti non tornano, state spendendo troppo e male, fermatevi ora, prima che sia tardi.

Molti miliardi persi dopo qualcosa è cambiato. Il dogma del governo sul deficit, accompagnato dall’ormai abusato “non arretriamo di un millimetro”, s’è trasformato da argomento tabù a occasione di riflessione. Scontro con la Commissione Europea? Macché, dialogo. Soldi intoccabili e già stanziati per reddito di cittadinanza e quota 100? Ma no dai, forse ne bastano meno.

Allora va bene tutto, ma credere al miracolo di san Giuseppe Conte no, questo no. Che sia bastata una cena a base di mele cotogne ad illuminare il governo sulla via di Bruxelles non lo riteniamo possibile. Allora diciamocele come stanno le cose, francamente, occhi negli occhi, da italiani.

Salvini e Di Maio hanno tentato un azzardo politico, sperando che la debolezza dell’Europa li lasciasse impuniti. Prima della Commissione Europea, però, a castigarli sono stati i mercati. E allora sono stati costretti ad innestare la retromarcia, ad ammettere che quelle raccontate finora, sulla sostenibilità delle misure, sugli impatti che avrebbero avuto sulla crescita, erano in fondo nient’altro che bugie.

La prossima curva è forse la più importante, quella prima del rettilineo. Per convincere la Commissione non bastano briciole, serve rivedere l’impianto della Manovra, adattarlo alla realtà. Salvini e Di Maio devono quindi scegliere: sono pronti ad ammettere che ciò che hanno promesso non si può fare? Perché la coperta è corta. E lo hanno dimostrato loro, quelli che non arretrano di un millimetro. Ma di decimali sì.