Berlusconi tiene il servizio: e Salvini rischia il break

 

I numeri dello spoglio in Molise arrivano a rilento. Ed è già un nuovo giorno, ad Arcore, quando Berlusconi apprende che Forza Italia è ancora il primo partito del centrodestra vincente in regione. L’assalto al castello, l’ultimo fortino da difendere dall’assedio dell’alleato leghista, è stato respinto. Almeno per ora.

Si registra un calo importante in termini percentuali, rispetto alle Politiche del 4 marzo, ma in ambienti azzurri già avanza l’ipotesi che gran parte del bottino berlusconiano sia andato suddiviso tra due delle liste civiche moderate che hanno appoggiato il nuovo governatore Donato Toma. Tesi plausibile, almeno in parte.

Ma a Berlusconi, solitamente maniaco dei numeri e delle percentuali, questa volta poco importa dei decimali. Voleva soltanto un voto in più della Lega, per ricordare a Salvini che il centrodestra – almeno da Roma in giù – è ancora Berlusconi. E per prendersi su Di Maio una rivincita: “allora chi è che ha vinto?“.

Ma adesso? Cosa succede adesso? Tutti a guardare al Molise come all’Ohio nelle elezioni Usa, il piccolo stato chiave, spesso in bilico, che determina le sorti del Paese. E il Molise ha detto che la strada per il governo giallo-verde si complica, che Di Maio e Salvini se vorranno formare un esecutivo dovranno farlo con Berlusconi ancora in campo, non fuori gioco come speravano fino a stanotte.

Lo schema nuovo, adesso, sarà rinviare la partita di una settimana: fino alle elezioni del Friuli Venezia Giulia, dove però Salvini ha già stravinto alle Politiche rispetto a Forza Italia, conquistando il 25% contro il 10% di Berlusconi.

Difficilmente potrà erodere ulteriormente il consenso del vecchio Silvio, che il suo game al servizio – per usare un gergo tennistico – l’ha vinto in Molise. Adesso gli tocca ricevere la battuta in Friuli. E se solo riuscisse a migliorare di poco il risultato del 4 marzo, allora sì che farebbe il break. A quel punto Di Maio e Salvini sarebbero come una coppia di doppio iscritta ad un torneo di singolare. Irregolari, squalificati, costretti a lasciare il campo. Eppure avevano uno smash da schiacciare sotto rete…

Perché Di Maio sbaglia: il torto al M5s e quello al Paese

 

Quando sorride ai giornalisti, facendo il suo ingresso nella Sala degli Specchi di Palazzo Giustiniani, l’atmosfera è carica di un’attesa paragonabile a quella di una finale olimpica. Ma Luigi Di Maio non sale sul podio a prendersi la medaglia. Piuttosto ha l’espressione di chi ha corso sapendo di non poter vincere, dopo il colloquio con la Casellati.

Parla un politichese di primissimo livello, il leader del Movimento 5 Stelle. Che più i giorni passano e più si fa strada la convinzione che a breve sarà Partito.

Sostiene l’impossibilità di sedersi allo stesso tavolo di Berlusconi. E nel ragionamento infila anche la Meloni, una sottigliezza volta a chiarire che lui la Terza Repubblica vuole inaugurarla con il solo Salvini. Gli altri, se vogliono, possono al massimo regalargli i loro voti in Parlamento.

E c’è quasi da capirla, l’ostinazione con cui difende la parola data Di Maio,  che la frittata non l’ha fatta oggi, ma nel momento in cui ha rivendicato l’impossibilità di formare un governo con Berlusconi.

Un atteggiamento, per quanto sostenuto con piglio fermo dalla base grillina, autolesionista e ingiustificabile. Non tanto – o non solo – per l’arroganza con cui chi schifa il voto di 4 milioni e mezzo di italiani, ma soprattutto politicamente miope.

Perché dopo anni di opposizione e promesse, di ricette di buon governo declamate in tv, non può essere un Berlusconi al 14% a poter condizionare la forza di un Movimento che ha preso il 32% e che vuole governare con il 17%.

No, non può essere che su una questione di principio si areni la possibilità di formare un esecutivo. Non può essere che Di Maio rischi di spiaggiarsi per non aver voluto incontrare Berlusconi.

Davvero il veto su un uomo solo può bloccare milioni di italiani? E davvero Di Maio può arrogarsi il diritto di impedire al M5s di dimostrare che in tutti questi anni aveva ragione ad attaccare i partiti tradizionali?

C’era un detto, che è sempre valido: chi troppo vuole…

Il gioco del trono: così è rinato Renzusconi

 

Dai segnali di fumo alle schermaglie. Dalle pacche sulla spalle alle telefonate mancate. Salvini e Di Maio, adesso, per comunicare usano televisioni e social, a dimostrazione che la luna di miele è già finita e il matrimonio annunciato rischia di naufragare al primo scoglio. Così iniziano a beccarsi, a provocarsi, a giocare al “vediamo chi è più forte“, dimostrando forse scarsa memoria: perché il punto è sempre lo stesso, mancano i voti per fare un governo. O qualcuno cede o si torna al voto.

Prospettiva, quest’ultima, che entrambi i leader della Terza Repubblica accarezzano quotidianamente, restandone ogni volta affascinati. Di Maio nella convinzione che il M5s otterrebbe un mandato ancora più forte di quello appena ricevuto, Salvini consapevole che la sua irruenza nei rapporti con Forza Italia per poco non ha mandato Berlusconi al tappeto, consentendogli di travasare molti voti azzurri nel nuovo partito che verrà: Lega Italia.

Ma nella lunga notte delle trattative seguite allo strappo sul Senato, Berlusconi ha avuto il merito di cambiare registro. Perdere una battaglia per non rinunciare alla guerra. Sul terreno ha lasciato soldati che mai avrebbe pensato di sacrificare come Brunetta e Romani, ma nella partita più ampia, quella della sopravvivenza, pure l’uomo di Arcore ha presente il significato dell’espressione “mors tua vita mea“.

Così, di nuovo, è ancora Berlusconi l’ago della bilancia per la formazione del governo. Perché Di Maio si è arroccato sul principio di non volere i voti di Forza Italia (che però per l’elezione di Fico alla Camera ha accettato) fidandosi di Salvini e del fatto che “Matteo” avrebbe dato al Cavaliere il benservito in tempi brevi.

Ma il leader della Lega, al di là di un aspetto rozzo, è stratega finissimo. Non ha interesse nell’abbandonare la compagnia di un Berlusconi al tramonto per servire a Di Maio la leadership su un piatto d’argento. Piuttosto aspetta che l’agonia di Silvio giunga a compimento. Se possibile senza strappi ulteriori, che i fedelissimi berlusconiani in giro per l’Italia difficilmente gli perdonerebbero, così come le sue televisioni.

E in questa guerra di posizione, l’unico che potrebbe far saltare gli schemi, si chiama Matteo Renzi. Ma l’ex segretario preferisce gustarsi lo spettacolo come fosse al cinema. Consapevole che il potere logora, ma in questo caso – facendo propria la citazione di Giulio Andreotti – soprattutto chi non ce l’ha: cioè Salvini e Di Maio.

Nella drammatica notte che ha portato alla composizione delle liste del Pd, Renzi ha blindato il Partito, lo ha riempito di fedelissimi che non tradiranno il suo diktat: restare all’opposizione ad ogni costo, lasciar fare ai due vincitori delle elezioni perché “adesso tocca a loro“.

Così il paradosso si rende plastico. Speravano di vincere, Renzi e Berlusconi. Di accordarsi su un Nazareno-bis che avrebbe garantito la centralità di entrambi. Hanno perso, ma nessuno può escluderli dal gioco del trono. Così è rinato Renzusconi.

La coltellata di Salvini, ma Berlusconi può scegliere come morire

 

Quando viene raggiunto dalla coltellata di Salvini, Silvio Berlusconi sperimenta sulla propria pelle la sorpresa e il dolore del tradimento. Non pensava che si sarebbe arrivati a questo. Non così. Non adesso.

L’indicazione della Bernini come presidente del Senato suona alle orecchie dell’uomo di Arcore come un diktat dai toni prepotenti e intollerabili. E c’è da capirlo Berlusconi, fino a venti giorni fa capo indiscusso del regno e adesso insidiato anche in casa propria. Così, pochi minuti dopo la mossa del cavallo di Salvini, il Cavaliere raduna tutti i suoi fedelissimi a Palazzo Grazioli, la residenza romana dove 24 ore prima erano andati in scena l’abbraccio e la calorosa stretta di mano con quello che adesso ha preso a considerare come un traditore. Un nuovo Fini, per intenderci.

Vuole guardare in faccia la sua guardia reale, Berlusconi. I Romani, i Brunetta, i Gianni Letta, gli uomini chiamati a serrare le fila ora che, è chiaro, da parte del leader della Lega si tenta di mandare allo sbaraglio l’intera armata azzurra. E pallottoliere alla mano, Berlusconi inizia la conta. Da grande imprenditore qual è stato, però, il Cavaliere conosce la realtà dei numeri: ed è quella che rifiuta dalla notte del 4 marzo, la stessa che gli impedisce di vincere il braccio di ferro col giovane leader. Nemmeno è certo di riuscire a trattenere tutti i suoi parlamentari, quelli che – quando si tratterà di fare la scelta di campo definitiva – guarderanno prima alla carta d’identità dei leader in gioco (un 45enne contro un 81enne) soltanto poi alla parola data.

Così si appresta giocare quest’ultima battaglia da sconfitto, scommettendo sul fatto che gli italiani presto si renderanno conto del tradimento, che il centrodestra è centrodestra solo se c’è Berlusconi. E Salvini vada pure coi 5 Stelle, prima o poi si renderà conto dell’errore che ha fatto.

Ragionamenti che avrebbero un senso diverso se gli anni fossero meno, se Berlusconi fosse candidabile in prima persona, se non ci fossero così tanti “se” da rendere difficile immaginarne l’ennesima resurrezione. Ma un diritto, con il suo ultimo 14% e con i milioni di voti che ha ottenuto in questi anni, Berlusconi se l’è conquistato: può scegliere la fine che ritiene per sé migliore. Nessuno potrà togliergli il gusto di morire con la spada in pugno.

L’errore di Di Maio: o cresce o dice addio al governo

 

La partita del Palazzo è intricata, scorbutica, a volte rissosa. Il fischio d’inizio c’è stato la notte del 4 marzo, ma se tre settimane non sono bastate a scegliere due figure di garanzia per eleggere i presidenti di Camera e Senato vuol dire che davvero non c’è via d’uscita. Non tanto per una questione di numeri – che con un po’ di buon senso un’intesa si riuscirebbe anche a trovare – ma per la qualità degli uomini che si ritrovano adesso a trattare, a dover capitalizzare il consenso che gli elettori gli hanno dato – e in massa – quando sono stati chiamati a decidere il futuro del Paese nelle urne.

Così veniamo a Di Maio e a quell’arroganza diventata spocchia, a quel “noi siamo bravi e voi (tutti gli altri) disonesti“, che esclude il Movimento da ogni possibile intesa, non solo per l’elezione dei Presidenti delle Camere, ma soprattutto per la formazione del nuovo governo.

Era parso, un attimo dopo il voto, che il M5s avesse fatto un bagno di realtà, si fosse definitivamente allontanato dall’epoca dei vaffa e del giustizialismo, avesse consapevolmente abbandonato i toni dell’uno contro tutti per trovare un accordo, visto che la premessa di fondo è che non ha i numeri per governare da solo. Era sembrato un buon segnale, un fatto positivo soprattutto per la pacificazione di un Paese che ha sfiorato i forconi. Era parso, era sembrato. Appunto. 

Perché alla prova dei fatti è arrivato l’errore, la caduta nella trappola di Berlusconi, che pure al tramonto riesce ad essere il più lucido degli strateghi. La richiesta, in fondo, non è peregrina: se il centrodestra al suo interno si è accordato per Paolo Romani presidente del Senato, non spetta al M5s – che dall’inizio ha professato la volontà di voler dividere le due Camere tra sé e la coalizione vincitrice delle elezioni – sindacare sulle decisioni interne a quello schieramento.

Ma più del no a Romani, a meravigliare è l’atteggiamento adolescenziale nei confronti del leader di Forza Italia. Berlusconi, una volta appreso il no del M5s a Romani, chiede un incontro tra leader. E anche in questo caso Di Maio si nega, provando a suggerire che a parlare di poltrone siano i capigruppo, come se rapportarsi con Brunetta non fosse la stessa cosa che parlare con Berlusconi, in sostanza.

E l’equivoco, anche divertente, è che Di Maio cita l’esperienza del Nazareno, dell’accordo tra Renzi e Berlusconi, per giustificare quello che non è altro che un errore di inesperienza. Non puoi ambire a formare un governo con i voti del centrodestra schifando uno dei leader del centrodestra. Non puoi sperare di ottenerne i voti, se non lo legittimi come hanno fatto – anche stavolta – milioni di italiani.

Chiedono i voti, ma mettono veti. La campagna elettorale è finita. Qualcuno informi Di Maio se non vuole iniziarne un’altra.