Ajò, Giggino: è finita

Francesco Cossiga, uno che di Sardegna ne sapeva qualcosa, raccontava che la sua regione era un laboratorio politico. Ciò che succedeva nel piccolo, nell’isola, era l’anticipazione di ciò che sarebbe potuto accadere nel grande, nel resto d’Italia. Se la sua lettura è corretta, allora è chiaro che il risultato fotografato dagli exit poll delle regionali è la prova di ciò che poco tempo fa avevamo pronosticato: il ritorno all’ovile di molti elettori alle formazioni di centrodestra e centrosinistra, e più in generale la fine del MoVimento 5 Stelle.

Per quest’ultimo passaggio bisognerà attendere un po’ più di tempo, quello necessario perché gli elettori si rendano conto che va bene la protesta, ma sola non basta. Ciò che emerge già da oggi, però, è l’accelerazione di un processo di crisi che coincide con l’andata al governo dei 5 Stelle. Non può essere in alcun modo consolatorio – secondo la regola italiana che il giorno dopo le elezioni non ha perso nessuno – sottolineare che (forse, attendiamo lo spoglio) il MoVimento 5 Stelle è il primo partito dell’isola. Così è troppo facile: partiva dal 42% delle Politiche e non faceva parte di una coalizione, i voti non sono andati divisi tra le diverse liste.

Negare che qualcosa si sia rotto è impossibile. Gli indizi sono troppi, i sondaggi a livello nazionale un sospetto, i voti veri nelle regioni una sentenza. Chi ne deve rispondere è Luigi Di Maio: è stato già sconfessato nel voto online sulla Diciotti, sta vedendo franare il MoVimento più rapidamente di quando avrebbe pensato, la sua leadership traballa e le Europee potrebbero sancirne la caduta definitiva.

E’ stato un attimo. Bisogna prenderne atto. Ajò, Giggino: è finita.

2 risposte a “Ajò, Giggino: è finita”

  1. Il partito dei 5 stelle ha utilizzato metodi da network marketing per ottenere il 33% dei consensi il 4 marzo 2018 ma solo 0,5% dei 10 milioni di elettori ha guadagnato soldi (da parte degli eletti in parlamento, dei portaborse e altri funzionari). Quindi è logico che i gonzi non ci cascano 2 volte, mi sembra che sia chiaro che quelli che votavano 5 stelle volevano guadagnare e invece hanno perso soldi e tempo. Io ho notato una similitudine fra la figura del navigator e quella del clear di scientology.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.