Le toghe e il segreto di Pulcinella

Toghe del Csm

Lo scandalo nel CSM si allarga ogni giorno di più. E ogni giorno di più la Giustizia appare agli occhi della gente meno giusta. E’ vero che la commistione tra politica e magistrati è il segreto di Pulcinella. Ma ora che questo segreto è venuto definitivamente a galla è giunto il momento di guardarsi negli occhi, tutti, e di porvi rimedio con serietà.

Dopo anni di proclami e di proposte lasciate cadere nell’indifferenza generale penso sia arrivata l’ora di compiere un taglio netto, di recidere legami inaccettabili, di ripristinare il concetto di separazione dei poteri, in una frase: di abolire le correnti dei magistrati.

Non si capisce per quale motivo un giudice, che dovrebbe essere la personificazione della terzietà, dell’imparzialità, debba collocarsi all’interno di un’associazione che prende posizione politica.

Dico di più: sono dell’idea che un magistrato non possa fare politica. In nessun caso.

L’attuale norma prevede che un giudice non possa essere iscritto ad un partito politico: siamo dinanzi ad una grande ipocrisia, visto che i magistrati possono essere comunque eletti in Parlamento e ad altri incarichi politici da “indipendenti” (per modo di dire).

Attenzione: questo non significa “privare” un cittadino come un altro (in questo caso il giudice) dei suoi diritti politici, ma di “sospenderli”. Tradotto: vuoi fare politica? Rinunci alla carriera di magistrato. Nel momento in cui decidi di scendere nell’agone politico perdi di credibilità e non sei più garante della neutralità necessaria per esprimere un giudizio. E’ come se l’arbitro di una partita di calcio decidesse per qualche minuto di indossare la maglia di una delle due squadre, salvo poi pretendere di tornare a dirigere la gara come niente fosse.

Il presidente emerito della Consulta, Valerio Onida, sostiene che gli eletti nel Csm “devono ricordare che non devono rispondere agli interessi delle correnti quando svolgono le loro funzioni”. Non sono d’accordo. E’ inevitabile che un’associazione che si rifà ad una componente politica sia portata a rispondere ad essa. E’ tragicamente umano che l’associazionismo delle correnti degeneri fino a determinare, come ha sottolineato lucidamente Mattarella, la perdita di “fiducia e prestigio” agli occhi dei cittadini.

Dobbiamo attendere un nuovo scandalo per prendere provvedimenti?

“Cara prof, ha fatto un buon lavoro”

Il video costato la sospensione alla prof di Palermo

La professoressa di italiano dell’istituto di Palermo sospesa per “mancata vigilanza” sui suoi alunni, “colpevoli” di aver associato la promulgazione delle leggi razziali al decreto sicurezza di Salvini, ha detto:”E’ la più grande ferita nella mia vita professionale“.

Non esito a credere che sia un dolore lancinante quello provato dalla docente, umiliata nel suo ruolo, privata della libertà di insegnamento, punita per aver consentito ai suoi ragazzi la libertà d’espressione. Ebbene, per quanto oggi possa far male questa sospensione, per quanto il taglio sia fresco, la prof Dell’Aria sappia che questa è una medaglia al valore, è il riconoscimento della differenza da quel “regime” che vuole imporre il pensiero unico, che scambia l’onestà intellettuale per propaganda. Cara prof, ha fatto un buon lavoro coi suoi ragazzi.

Ciò che dovrebbe preoccupare tutti noi è la catena di comando che ha portato alla sospensione della prof. La prima segnalazione è arrivata da un post sui social di tale Claudio Perconte, attivista di destra, noto per la sua propensione a condividere spesso fake news, che aveva così commentato il video dei ragazzi di Palermo:”Al Miur hanno qualcosa da dire?“.

Evidentemente qualcosa da dire l’avevano, se è vero che il giorno dopo il primo tweet è scesa in campo Lucia Borgonzoni (Lega), sottosegretaria ai Beni Culturali, che ha scritto su Facebook:”Se è accaduto realmente andrebbe cacciato con ignominia un prof del genere e interdetto a vita dall’insegnamento. Già avvisato chi di dovere“.

Chi di dovere è l’ufficio scolastico provinciale, che ha ritenuto corretto sospendere la professoressa, dimezzarle lo stipendio e delegittimarla agli occhi dei suoi allievi.

Ecco, questo significa che un giorno, magari, il governo potrà pensare di creare un ministero ad hoc, chiamandolo “Ministero dei Social“. La promessa sarà quella di liberare il web da fake news e violenza verbale, l’obiettivo dichiarato quello di arrestare haters e cyber-bulli. Nei fatti, però, andrà in scena ciò che è accaduto con la professoressa di italiano di Palermo: ad essere prima sospesi e poi chiusi saranno soltanto gli account che professano idee contrarie a quelle del “regime”, ad essere rimossi – dopo gli striscioni sui balconi – saranno soltanto i post che esprimono dissenso rispetto al governo.

Cara prof Dell’Aria, la sua dignità di docente è riconosciuta proprio da quel video. Ha formato degli studenti in grado di pensare con la propria testa, capaci di individuare riferimenti storici, di formulare un giudizio critico. Li ha resi sensibili alle ingiustizie e ai soprusi. Soprattutto cittadini liberi. Sono la nostra migliore speranza.

E la luce fu

L'elemosiniere del Papa

Ci voleva un uomo del Signore per compiere un piccolo miracolo: riportare la luce in uno stabile lasciato senza corrente da ore, con tutto quel che ne consegue per le 400 persone che lo abitano, bambini compresi. Serviva che un cardinale con un passato da elettricista si calasse in un tombino e restituisse a centinaia di persone due cose fondamentali: la possibilità di vivere dignitosamente e la speranza.

O forse è più giusto parlare di fede. Una fede che non è attesa di qualcosa calato dall’alto, ma di una promessa terrena di vicinanza mantenuta. E’ una Chiesa che torna tra gli ultimi e non li abbandona, quella di Francesco, quella del suo elemosiniere Konrad Krajewski, che conosce il confine sottile, ma impossibile da non considerare, tra legalità e giustizia.

Perché è vero che gli occupanti di quello stabile in via di Santa Croce a Roma, ex sede Inpdap abbandonata da anni, sono tutti “fuorilegge” e non pagano le tasse. Ma lo è pure che risulta assurdo pensare che nel centro della Capitale possa andare in scena, nell’indifferenza più totale delle istituzioni, il dramma di quasi 500 persone in difficoltà, abbandonate a loro stesse, trattate persino come criminali.

Perché qui nessuno vuole mettere in discussione la proprietà privata. Né discutere sull’importanza di pagare le tasse. Non ci sono cittadini di Serie A e di Serie B. Non possiamo accettare lezioni dai primatisti dei condoni.

Ma questo non è terreno per battaglie ideologiche. Piuttosto si tratta di avere la sensibilità politica di saper sanare una situazione di degrado. Si tratta di applicare al governo il fattore “umanità”, quello che sfugge sempre a Salvini quando tenta di applicare anche in mare la politica “law” e “order”. Legge e ordine vanno bene in una società funzionante: non quando bambini senza frigorifero rischiano di restare digiuno, non quando disperati in mezzo al mare rischiano di annegare.

Dice Salvini, in uno dei suoi tanti comizi, “adesso l’elemosiniere paghi le bollette arretrate”. E’ la frase da incorniciare per tenere sempre ben presenti la sua disumanità e la sua arroganza. Perché parlando di Chiesa sorge spontanea un’esclamazione: “Da quale pulpito!”. Il leader della Lega chiede che venga onorato il debito con lo Stato. La stessa Lega che allo Stato ha sottratto 49 milioni. Quando si dice la coerenza.

Penne nere, non camicie

Il cappello degli alpini con la tradizionale penna nera

Sfilano gli Alpini. E ti si gonfia il petto. Come se quel cappello con la penna nera lo indossassi proprio tu. Sfilano gli Alpini, orgoglio nazionale, e pensi a quei giovani pronti ad immolarsi sulle montagne per le famiglie lasciate nelle valli, a quei ragazzi addestrati per combattere tra i ghiacci e poi inviati tra le dune del deserto, per assecondare famelici appetiti coloniali di questo o quel regime.

Li vedi marciare, fieri, come fossero loro gli eroi mandati al massacro nella campagna di Russia, loro i compagni dei caduti all’Ortigara, sempre loro, ancora loro, gli ultimi bastioni ad impedire l’ingresso degli “invasori”.

Sono gli eredi di una tradizione e di un sentimento, di un orgoglio e di una cultura. Ed è impossibile non percepire la differenza che passa tra chi indossa questa divisa per cuore e storia, come fosse una seconda pelle, e chi invece usa quella dei corpi di polizia dello Stato come uno strumento per i suoi fini elettorali. E’ innegabile il senso di nostalgia che assale chi vede sfilare queste reali espressioni di un’identità nazionale coraggiosa, nobile e incondizionata, a paragone dei nazionalismi e dei sovranismi che di patriottico hanno ben poco.

Quella degli Alpini è la storia di un’Italia semplice e di cuore. E’ quella del binomio coi muli, splendidamente fotografata da Giulio Bedeschi nel suo autobiografico “Centomila gavette di ghiaccio”: “Una volta un conducente rimase ferito da una scheggia che gli fratturò la gamba ed io che ero ufficiale medico tentai di prestargli qualche cura, quando ad un certo punto il suo mulo gli si avvicinò e infilò il muso tra la terra e la nuca del ferito, in modo da sostenerlo, riscaldarlo, confortarlo. Una scena che non dimenticherò mai“.

In un’epoca di nuove e vecchie inquietudini, di pericolosi richiami, di fascismi diversi ma pur sempre fascismi, è bene urlare forte e chiaro il loro motto, quello degli Alpini:”Di qui non si passa“. Sono penne nere, non camicie.

Come Gomorra

L’agguato a due passi da piazza Nazionale, in pieno giorno, è un fatto gravissimo. C’è una bambina di 4 anni che passeggiava insieme alla nonna, alla mamma e ad un’amichetta, e adesso lotta tra la vita e la morte con un proiettile conficcato nei polmoni. Non siamo nel Far West, siamo a Napoli. Ma pare la stessa cosa.

Chi ha visto le immagini del luogo transennato dalle forze di polizia nei tg ha avuto un’impressione molto netta di déjà-vu. I motivi sono almeno due: il primo è che di agguati simili, di spari tra la folla, Napoli negli ultimi mesi ne ha visti parecchi. Il secondo è che sembrava di essere sul set di Gomorra.

Questa volta però Saviano non c’entra. Non si tratta di discutere su chi ha ragione nell’ultima diatriba tra lui e Salvini. Piuttosto si tratta di capire se quest’ultimo svolge adeguatamente il suo ruolo da ministro dell’Interno. Dei 600 agenti di polizia promessi alla vigilia delle sue visite passerella nello splendido capoluogo partenopeo non c’è traccia.

Il caso vuole che proprio ieri, prima della sparatoria, per schivare le domande sul caso Siri, Salvini abbia dichiarato: “Mi occupo di tasse, sicurezza, droga, immigrazione, lavoro”. Tolto forse il capitolo immigrazione – dove ha vinto alcune battaglie perdendo di vista l’esito finale della guerra – non c’è italiano che possa dire di aver riscontrato dei miglioramenti grazie al lavoro di Salvini in ambito di tasse, sicurezza, droga e lavoro.

Napoli non merita di essere presa in giro. E’ così fragile che le bugie vengono subito a galla. Scrivere su Twitter l’hashtag #lamafiamifaschifo non risolverà il problema della camorra. Promettere agenti e poi non inviarli non servirà a far sentire più sicuri i suoi cittadini. Salvini smetta di fare campagna elettorale, faccia il ministro. Se ne è capace.

“Polizia, carabinieri. Polizia, carabinieri”.

Ho aspettato qualche giorno per scrivere di Antonio Stano, il pensionato di Manduria morto dopo essere stato torturato per anni da una baby-gang. L’ho fatto per capire se quel senso di turbamento sarebbe prima o poi passato. Se le immagini di quei vigliacchi che lo attaccano da tutti i lati mentre ridono e sghignazzano avrebbero lasciato il posto ad un senso di rassegnazione amara, di assuefazione a questa società degradata. Ma non è successo.

Mi sono chiesto a cosa servisse mandare in onda quel video a ripetizione. Che senso avesse. Non l’ho trovato. Era il dramma di un uomo fragile. Vittima prima di se stesso e poi degli altri, accerchiato come un animale da un branco di iene che ridono prima di azzannarlo. Ma due parole mi hanno toccato più di altre:”Polizia, carabinieri. Polizia, carabinieri”.

Pure quell’uomo prigioniero della sua mente e dei suoi aguzzini aveva chiaro che l’unico a poterlo salvare dalla ferocia ignorante, dall’indifferenza dilagante, era lo Stato. “Polizia carabinieri, polizia carabinieri”. Antonio Stano lottava come poteva, mentre quei vandali intorno a lui se ne facevano beffe, ignari che la ruota gira, che un giorno in quelle condizioni potrebbe trovarcisi un loro padre, una loro madre.

E proprio i genitori sono a mio avviso i colpevoli principali di questa terribile storia. Perché non c’è scusa che tenga, dipendenza dagli smartphone che dir si voglia, difficoltà a comunicare tipica di questa età e di questi tempi che possa giustificare l’incapacità di un padre o di una madre di capire ciò che sono diventati i propri figli: dei delinquenti.

In questo momento storico il governo taglia i fondi per la Scuola, per l’istruzione. Io penso sia il caso di rilanciare, di raddoppiare gli sforzi. C’è un bisogno di cultura che fa spavento: c’è bisogno di cultura per scacciare la paura. Si pensi allora all’istituzione di una scuola per genitori, anche con un incentivo alla frequenza. Si mettano al suo interno esperti, psicologi, le migliori forze ed esperienze di questo Paese investano in questo progetto a lungo termine. Basterebbero 2 ore a settimana. Per confrontarsi, per imparare il mestiere più difficile che esista, per entrare in possesso dei codici che servono a comunicare con i più giovani.

Perché il problema non è Manduria. Il problema è l’Italia, è questo folle mondo. Ne ha fatto le spese Antonio Stano. E quelle urla: “Polizia, carabinieri. Polizia, carabinieri”, è giusto ci perseguitino. Ma almeno non invano.

Notre Dame, mon Dieu

Nessuno ci crede davvero, nelle vie di Parigi. Né durante né dopo. Perché la cattedrale di Notre-Dame che va a fuoco, l’incendio che ne divora lo splendore, ha il sapore amaro di un turbamento esistenziale che ci tocca da vicino.

Ci sono elementi che paiono di contorno nelle nostre vite, testimonianze di un passato che è diventato il nostro presente e che proiettiamo inevitabilmente nel futuro, quasi fossero eterni. Oggi scopriamo che non lo sono. Non se li diamo per scontati.

Notre-Dame che diventa cenere, che si disperde nell’aria sotto forma di fumo, è la prova della nostra fragilità, è l’eredità della Francia, ma non solo, che va smarrita.

Non serve aver ammirato le vetrate della cattedrale dal suo interno. Non c’è bisogno di aver pregato dentro le sue mura. Non è necessario essersi appassionati alle vicende di Quasimodo ed Esmeralda frutto del genio di Victor Hugo. Il fuoco che arde la Storia brucia di suo, devasta il cuore di un’Europa ferita, oggi tradita.

Bisognerà ricostruire. È l’unica cosa che resta da fare. La sola che dona speranza.

È Notre Dame, mon Dieu.

“Io so’ Torre Maura”

Felpa Adidas nera, rigorosamente. Cappuccio tirato su, d’ordinanza. Movenze da rapper. Eh vabbé, sono i tempi. Simone ha 15 anni. Ed è un ragazzo della sua generazione. Libero da condizionamenti, forte di quel senso di giustizia che anima solo chi è (e resta) puro dentro, ha il coraggio di guardare negli occhi i leader di Casapound, la formazione neofascista che ha tentato di lucrare sul malcontento di Torre Maura dopo il trasferimento di alcune famiglie rom in una struttura del posto.

Simone è giovane, forse inesperto, ma è lucido, più di chi gli sta di fronte. Non si lascia imbrigliare dalla narrazione populista dominante, quella che parla sempre e comunque di “invasione”, che si tratti di rom o di africani. Lo ribadisce alla sua maniera, con la cadenza di cui va fiero, perché “Tore Maura è il quartiere mio“. E combatte contro la narrazione che caratterizza tanto Casapound quanto la Lega di Salvini, quella per cui se un reato lo commette uno straniero è un problema, se invece è un italiano allora no, perché qualcosa si dovrà pur fare per campare…

E nella logica disarmante dei suoi 15 anni Simone individua il problema: “A me 70 persone nun me cambiano ‘a vita“. Dillo a Salvini, Simone, che si impunta su 49 migranti..

Simone invece conosce i numeri, le proporzioni. Sa che Torre Maura fa parte del Sesto Municipio di Roma: sono 270mila persone. Ma la sua è una battaglia che va oltre la borgata: è l’affermazione di un principio di giustizia, “nessuno deve essere lasciato dietro“. Perché “‘sta cosa che bisogna andare sempre contro una minoranza a me non me sta bene che nno!“. Con quella parlata musicale, con quell’accento che lo fà romano tra i romani, Simone non cade nel tranello di chi gli chiede: “Ti sembrano una minoranza i rom?“. Risposta: “E’ una minoranza che sì, siamo 60 milioni“.

Il capolavoro però arriva sul finire, quando Simone si è ormai tolto il cappuccio e rimboccato le maniche, accaloratosi nel tentativo di fronteggiare i grandi e i prepotenti. Ce n’è uno che prova ad intimidirlo, gli si avvicina agitando il dito all’altezza del suo viso, gli impone di farlo parlare, gli dà un buffetto sulla guancia, prova ad indottrinarlo dall’alto della sua età con la solita solfa del “si stava meglio quando si stava peggio”, perché Torre Maura prima “nunn’era così“.

E Simone spiazza, disarma, stupisce, inorgoglisce: “E che è corpa d’i rom?“.

Ecco, bravo Simone. Perché le colpe del degrado delle periferie sono di tutti. Perché tutti in questi anni hanno governato.

E non è un caso che il ragazzo risponda a chi lo accusa di essere di parte con un’indignazione degna di un futuro grande uomo: “Io non c’ho nessuna fazione politica, io so’ Torre Maura“. E’ questa la sua bandiera. E’ libero, e libero deve restare. Lontano da strumentalizzazioni di ogni tipo, da corse ad accaparrarsene l’immagine e l’appoggio. Ha 15 anni, ha fatto chiarezza, seminato buon senso. Il futuro è suo. Speriamo arrivi presto.

Il bambino che ha urlato “papà”

Io non lo so che cosa si prova a trovarsi la morte in faccia, a scoprire che l’autista dello scuolabus, quello che aspetta pazientemente mentre ti diverti con gli amici in gita, si trasforma d’un tratto in un orco. Io non lo so che cosa si sente coi polsi legati, se trovarsi a sfregare le braccia per liberarti dai lacci è così facile come si vede nei film. Né so immaginare quali parole avrei scelto per una telefonata disperata a 12 anni, pensando che sarebbe stata l’ultima.

Non lo so quanti interminabili secondi sarebbero passati, prima che i miei genitori capissero che non era uno scherzo, che purtroppo era tutto vero, che la morte era lì da venire, per un pazzo che ha scelto il mio pullman e il mio giorno d’uscita da scuola per fare una strage.

Io non lo so che cosa è stato più brutto. Se scansarsi di corsa dalla strada mentre il pullman speronava le macchine dei carabinieri. Oppure restare all’interno, tra gli ultimi a uscire, mentre l’aria diventa più calda e le fiamme si fanno vicine.

Non lo so se è stata peggiore l’attesa, la paura che nessuno venisse. O che lo facesse in ritardo. Non lo immagino com’è stato vedere i professori impotenti, così insolitamente insicuri, pure loro sbiancati nel tentativo di pensare a noialtri, di placare la furia di un grande che dei loro ordini se ne frega.

Non lo conosco il terrore intenso, l’istinto primitivo che ha spinto un bambino ad urlare correndo un lungo, disperato e infinito “Papà!!!”. E non lo so se alla fine della sua corsa ha trovato le braccia del padre. Se gli è bastato vederlo per sentirsi di nuovo sicuro.

So che qualcuno, però, di questo giorno da incubo dovrà rispondere. So che i pazzi vanno fermati. Sempre. Da Traini al senegalese Sy. Ma so pure che è folle, molto più folle di un mostro d’autista, continuare a soffiare sull’odio. Perché prima o poi il vento gira, cambia direzione, rischiando di travolgere tutto. Pure noi.

Una Imane fesseria

Farneticanti sottintesi si rincorrono sui social e su alcuni giornali rispetto alla morte di Imane Fadil. Saranno gli inquirenti, come sempre, a dover fare luce su quanto accaduto.

Ma sul non-detto però sussurrato, sul non-pubblicato però insinuato, ci sia consentito uno sfogo di garantismo che sfocia consapevolmente nell’innocentismo. Perché è inaccettabile che la morte di Imane, poiché testimone nel processo Ruby, venga più o meno sottilmente associata a Silvio Berlusconi.

La macchina del giornalismo schierato si è messa in moto un minuto dopo la notizia del decesso della ragazza. E attenzione a chi oggi la santifica, dipingendo di lei un ritratto da martire: sono proprio quelli che stanno strumentalizzando la sua morte per i loro fini, sono proprio quelli da cui guardarsi.

Perché il punto è sempre questo: per una certa parte di questo Paese che Silvio Berlusconi non sia più al governo non è abbastanza. Per questa parte di Paese lo scontro politico è stato sempre un pretesto per distruggere l’uomo. Quasi che il maggiore crimine commesso dal Cavaliere sia stato quello di nascere, e poi di continuare ad esistere. Così, se una ragazza che diceva male di Berlusconi muore, allora è una stata uccisa su ordine di Silvio. Questo è l’assurdo che si trova sul web, questo è l’indegno che non si scrive ma si suggerisce.

E’ arrivato il momento di uscire da questo vortice perverso. Se non ci si è riusciti per 20 anni, alimentando un clima di odio che ha avuto il solo obiettivo di bloccare questo Paese, di disporre il terreno per i partiti populisti oggi al governo, allora ci si provi adesso, con un Berlusconi più vecchio e più debole, quasi al punto di essere definito “innocuo”.

Non sappiamo come sia morta la povera Imane. Siamo dell’avviso che un’indagine seria e accorta vada condotta fino in fondo per appurare la verità. Ma siamo anche stanchi dei giornali che alimentano l’insano vizio di osservare ciò che accade dal buco della serratura, siamo disgustati dall’uso che di un decesso assurdo e ingiusto si può fare, siamo stomacati dalla politica che demonizza l’avversario. Soprattutto perché sappiamo già che alla fine il coinvolgimento di Berlusconi nella morte della Fadil si rivelerà una Imane fesseria.