Gentiloni, Calenda, Maroni: quale riserva della Repubblica farà il titolare

Nel racconto degli ultimi giorni di politica italiana sta tornando di moda un’espressione: riserva della Repubblica. A coniarla fu il generale francese de Gaulle quando, nel 1968, da Capo dello Stato chiese a Georges Pompidou di abbandonare la carica di primo ministro pur mantenendosi a disposizione per futuri incarichi.  E difatti, dopo meno di un anno, lo stesso Pompidou fu richiamato all’Eliseo come suo successore.

L’abuso di questa espressione, in campagna elettorale, è il segno tangibile che dalle urne la notte del 4 marzo  potrebbe anche non uscire il nome di un vincitore. E cosa accadrebbe in questo caso? Il pallino passerà come da prassi al capo dello Stato, a quel Sergio Mattarella chiamato a fare da metronomo, a dettare i tempi di un tempo folle.

Le alternative sono principalmente due, in caso di non-vittoria da parte di uno dei tre schieramenti principali:

  • Si cerca un accordo per un governo di larghe intese
  • Il governo Gentiloni prosegue fino a nuove elezioni

Eccole, le riserve della Repubblica. Nel primo caso a tenere insieme un governo di larghe intese – ipotizzando l’alleanza più probabile tra Pd e Forza Italia – non potrebbe essere Renzi (troppo ingombrante) e neanche Berlusconi (incandidabile). Chi, dunque, al governo del Paese? E soprattutto: espressione di quale partito? Magari di nessuno, per sorvolare il problema. Attingere dal serbatoio dei tecnici, in fondo, è sempre possibile. Nomi? Calenda ha fatto sapere di sentirsi “troppo giovane” per un ruolo di questo genere, ma il suo attivismo mediatico è quanto meno sospetto in questa fase. Pare il preludio di una prossima discesa in campo. Vedremo..

Enrico Letta? Fino a quando Matteo Renzi sarà il segretario del Pd è tagliato fuori. Gianni Letta? Ha due problemi: l’amicizia con Berlusconi e il cognome. Montezemolo? Ha perso l’aereo…pardon, il treno diversi anni fa. Della Valle? Troppo anti-berlusconiano. E allora? Allora chi resta?

Rimane la riserva della Repubblica attualmente titolare. Il felpato Gentiloni. E anche il consapevole Gentiloni. Quello che in tv, su Rai Uno, si autodefinisce “er moviola” non a caso. Conscio che un po’ di sano ragionamento è preferibile di gran lunga alla gatta frettolosa, che tutti sappiamo aver fatto figli ciechi.

Certo c’è il rischio che la coalizione di centrodestra, probabilmente maggioritaria rispetto al Pd, possa chiedere di esprimere un nome proveniente dalla propria area anche in segno di rottura rispetto al recente passato. Nomi? Idee? Suggerimenti? Probabilmente uno. Bobo Maroni.

Ha sbagliato i tempi dell’uscita di scena. Ha temporeggiato troppo quando si è trattato di rinunciare alla poltrona di governatore della Lombardia. Ma ha un alleato e un amico in Silvio Berlusconi.

Matteo Salvini non accetterà mai di convolare verso larghe intese con Renzi. Berlusconi sì. E nel caso in cui i numeri del Pd e di Forza Italia da soli non bastassero ecco subentrare il fattore Bobo. L’uomo che ha fondato la Lega Nord con Umberto Bossi avrà la forza di sottrarre parlamentari a Matteo Salvini e di travasarli in Forza Italia o in una nuova formazione di “responsabili”? Sarà in grado, Maroni, di prendersi la rivincita sul leader che ha accusato di aver adoperato metodi stalinisti nei suoi confronti? Nel caso in cui la risposta fosse affermativa, al di là delle dichiarazioni di facciata, troverebbe in Berlusconi una sponda sicura.

Basterà sedersi di fronte alla tavola imbandita di Arcore. E così come avveniva con Bossi, Berlusconi e Maroni troveranno l’intesa davanti ad un piatto di pennette tricolori. E ai più di sinistra del Pd , a quelli che oseranno protestare per la scelta di Maroni, basterà ricordare che Bobo, a Varese, era noto per girare con Il Manifesto sottobraccio. Lui che era iscritto al partito di estrema sinistra Democrazia Proletaria, non avrà problemi a farsi portavoce di un governo sinistra-centro-destra. Tra le riserve della Repubblica è forse proprio lui il più pronto a diventare titolare.

Matteo Salvini, in principio era la felpa…

In principio era la felpa. Milano, Veneto, Romagna. E poi Piasenza, Roma, fino ad arrivare alla Sicilia. Matteo Salvini quello era: un messaggio semplice da decifrare. A volte perfino troppo.

Poi è stata la volta della camicia bianca. Solo quella però, non sia mai che si pensi alla Lega (allora ancora Nord) come parte della casta bacchettona e benpensante che in tv parla tanto senza concludere mai.  No, lui no. Matteo, cresciuto dietro i microfoni di Radio Padania, alle istanze degli spettatori sa rispondere. Il mezzo sa usarlo. La dialettica non gli manca. L’intuito per comprendere dove tira il vento nemmeno.

Sì, ma allora perché se i militanti duri e puri gli ripetono da mesi “lascia Berlusconi” Salvini stringe con lui un patto elettorale? La risposta sta nella definizione che di lui per primo ha dato Silvio: “Matteo è un goleador“. Ha innato, dunque, l’essere sempre al posto giusto nel momento giusto. E il posto giusto è la coalizione di centrodestra. Il momento è adesso: adesso che Berlusconi è forza trainante della coalizione ma non spendibile per Palazzo Chigi.

Vuoi vedere che alla fine l’erede di Berlusconi sarà uno “straniero“? Di delfini annegati nelle acque del berlusconismo del resto la storia è piena. Da Fini a Fitto, da Alfano a Parisi, passando per Casini e Formigoni. Nessuno è riuscito a dosare ambizione e accortezza. Perché se vai a pranzo ad Arcore devi sapere che il capotavola è comunque Silvio. Se discuti con lui di politica devi accettare che alla fine a dare le carte sia sempre e comunque il Cav. L’uomo che in Italia, vuoi o non vuoi, ha inventato il centrodestra.

A meno che…A meno che non ti chiami Salvini e hai la forza politica per giocare una partita collaterale. Hai ottenuto il rispetto e l’attenzione del Cavaliere per avere resuscitato un partito dato per morto. E soprattutto sei indipendente. Hai la tua base a sostenerti, non una schiera di guardie reali pronte a mozzarti la testa al primo cenno del sovrano.

Così, con quel pragmatismo che contraddistingue buona parte delle sue proposte politiche e della sua dialettica, Salvini ha capito che Berlusconi – insospettabilmente -può essere ciò che Giovanni Lombardi era per Mario Cipollini: l’ultimo uomo prima della volata. Arrivare a Palazzo Chigi usando i voti di Berlusconi, l’obiettivo nemmeno tanto nascosto di Matteo.

Già, ma se in principio era la felpa e poi è stata la camicia, da un po’ di tempo c’è pure la giacca. Questo sì, un segnale da cogliere.  Ospite di Bruno Vespa a Porta a Porta, il leader della Lega (ormai senza Nord) è apparso, a chi scrive, un politico diverso da quello che quotidianamente dà materiale ai polemisti di professione.

Sì, resta sempre quel cinismo di fondo che lo rende desiderabile agli occhi di quella fetta di società stanca di tutto e tutti. E sì, ancora, sostegno ai no vax, abolizione della Fornero, stop invasione, sono slogan che – decontestualizzati – nascondono un approccio quanto meno superficiale ai problemi del Paese.

Eppure Salvini sta cambiando. Non solo la giacca e la camicia. Ma pure la barba curata. I toni più pacati. Le promesse a portata di mano perché – dice – “non voglio dire cose che non sono certo di mantenere“. E l’elenco non è quello di un pericoloso nazionalista in grado di mettere a repentaglio la stabilità dell’Italia e dell’Unione. Si parla di flat tax, proposta concordata con Berlusconi. E ad uscire dall’euro non si pensa nemmeno più. La novità delle ultime ore, poi –  al di là dell’effettiva bontà dell’operazione – incontra il favore della massa: riapriamo le case chiuse. Così in fondo togliamo le ragazze dalla strada e garantiamo sicurezza. Chi può contraddirlo?

Che alla fine è questa la sua forza: la semplicità e l’incisività del messaggio. Case chiuse: conviene allo Stato e alle ragazze. Flat Tax: paghiamo meno, paghiamo tutti. Immigrati: prima gli italiani. Pensioni: aboliamo la Fornero (che basta il nome a far spavento). Allora basta correggere un po’ il tiro, desalvinizzarsi giusto quel po’ che basta a rassicurare gli italiani, a convincerli che può essere proprio lui il prossimo Presidente del Consiglio.

Col piglio da sceriffo che ha ostentato in questi anni, ma con la supervisione di Berlusconi a tranquillizzare i moderati. Sì, in principio era la felpa…ora ci sono la giacca e la camicia. Tra un po’, forse, vedremo spuntare pure una pinna. Quella di uno squalo – non di un delfino – che nel mare del berlusconismo ha dettato legge. E per uno che ha scritto un libro intitolandolo “Secondo Matteo” non è peccato dire che tutto questo ha del miracoloso…

Perché Silvio Berlusconi non avrà pietà di Matteo Renzi

Ha iniziato la campagna elettorale prima degli altri, consapevole che il terreno da recuperare era tanto e la strada in salita. Silvio Berlusconi sarà pure abituato a fissare obiettivi sulla carta irraggiungibili ma del realismo – quando si tratta di rimonte – ha fatto la sua cifra.

E Silvio, forte del principio per cui per ottenere un buon risultato si deve puntare al massimo, in questi giorni va ripetendo: “Arriveremo al 45%“. Percentuale apparentemente astronomica, se è vero che la soglia di governabilità è fissata al 40% e nessuno degli schieramenti -secondo i sondaggi – pare in grado di raggiungerla.

Ma il vantaggio di un tipo che fa campagne elettorali dal 1994 è quello di conoscere la dinamica della politica. Entrare nella mente degli italiani è, per Berlusconi, semplice come tirare un calcio di rigore a porta vuota per Leo Messi.

Chi parla di larghe intese come piano A del leader di Forza Italia ne sottovaluta l’ambizione. Chi sostiene che l’ex Presidente del Consiglio tema la vittoria perché ha paura di non riuscire a contenere Matteo Salvini non tiene conto dell’alta considerazione che Berlusconi ha di se stesso e delle sue capacità di leadership. Ecco perché, nel suo tour tra radio e televisioni, alza l’asticella. Semplicemente perché è convinto di superarla.

Berlusconi vuol dimostrare di essere ancora Berlusconi. Al “ragazzotto” di Rignano che gli ha mostrato i muscoli sotto il mento quando si è trattato di eleggere Mattarella, il Cavaliere non concederà nulla. Deluso, rancoroso, tradito. Berlusconi sta già scommettendo sul suo crollo, certo che alla fine gli italiani opteranno per il cosiddetto “voto utile“.

Ne è la prova che il Pd, nei suoi interventi, non trova quasi posto. Non perché Berlusconi guardi all’inciucio. Macché. Silvio disegna lo scenario, crea l’immaginario: la battaglia finale sarà tra lui e il Movimento 5 stelle.  Il Cav come ultimo argine alla deriva grillina e populista. Chi l’avrebbe mai detto?

Di certo non Renzi. Il giocatore coraggioso, ma spesso arrogante, che non ha previsto la rinascita di Berlusconi o forse ne aveva annunciato troppo presto la morte. Il toscano mai domo che anche adesso si dice convinto di batterlo. Un atteggiamento che il Cav, da leader consumato ma non consunto, non accetta.

Così gonfierà il petto per un’ultima volta. Ruggirà per quello che la sua età gli consente. Sorriderà agli italiani con il ghigno di chi la sa lunga. E guarderà a Renzi come al rivale da eliminare col bianchetto. Perché sa che dalla sua caduta politica passa la vittoria del berlusconismo sulle imitazioni. Dal duello generazionale per eccellenza il ritratto che la storia farà di lui.