Governo “in fumo”

Cannabis, polemica nel governo

Che Matteo Salvini rilanci la sua campagna elettorale per le Europee sul tema della lotta ai canapa shop ci dice almeno un paio di cose: primo, in Italia è chiaro a pochi per cosa si voterà il prossimo 26 maggio; secondo, il leader della Lega sta sbandando. Qui non si tratta di essere pro-cannabis. Chi vi scrive non ha mai fumato una sigaretta in vita sua, figuriamoci se può essere favorevole alle canne.

Ma il fatto che il primo punto sull’agenda del ministro dell’Interno, quello che deve occuparsi della sicurezza di tutti gli italiani, siano i negozi che si vendono canapa industriale, che nulla ha a che vedere con gli stupefacenti o con gli aspetti ludici della cannabis, la dice lunga sul senso di realtà che in questi giorni anima Salvini. Lo Stato spacciatore non è quello che vende prodotti farmaceutici e per la cosmesi a base di canapa, è quello che non fa niente per eliminare lo spaccio di droga dalle nostre città. La lotta alle droghe (leggere e pesanti) si fa con altri strumenti e altri metodi, non chiudendo 3 negozi (giusto così se fuorilegge) per raccattare i voti dei seguaci di Giovanardi.

Qui l’approccio è sempre lo stesso: superficiale, arrangiato, propagandistico. Come quello che ha caratterizzato le politiche sull’immigrazione, che non si arresta bloccando un barcone di 49 migranti una-tantum, ma andando a discutere coi Paesi di partenza e di approdo un sistema in grado di limitare l’impatto dei flussi, che non si arresteranno solo perché lo vuole Salvini.

Resta l’immagine di un governo che è di fatto chiuso fino al voto. Tanto rissoso quanto incapace di incidere sulla vita quotidiana delle persone, tanto al capolinea che ormai ogni giorno è buono per trovare un argomento divisivo, un motivo per sottolineare che lavorare insieme non si può. La polemica sulla cannabis è l’ultimo capitolo di un esecutivo surreale, che agita lo spettro di una chiusura dei canapa shop che lascerebbe per strada diecimila persone impiegate nel settore. Ma del resto Di Maio insegna con il decreto Dignità che questo governo non si tira indietro quando si tratta di far perdere posti di lavoro.

La sensazione è quella di un esecutivo inesistente, sfasciato, di mezzi leader senza visione, di uno sguardo che il futuro non solo non lo vede, nemmeno lo immagina. Di un governo “in fumo”. O solo fumo e niente arrosto, se preferite la battuta.

Non è “prima i rom” ma “mai coi fascisti”

La mamma della famiglia rom di Casal Bruciato scortata dagli agenti mentre tiene la figlia in braccio

Una società civile che abbia la pretesa di definirsi tale deve avere il coraggio di affermare il diritto anche quando questo è altamente impopolare. Casal Bruciato è la linea del Piave della nostra dignità. Le immagini di una mamma scortata da decine di poliziotti mentre tiene in braccio la propria figlia, gli agenti che la sottraggono ad un tentativo di linciaggio barbaro e violento, fascista e inaccettabile, sono allo stesso tempo un’onta e una speranza.

Devono farci vergognare, perché sono la prova dell’intolleranza e del degrado, dell’assenza di moderazione e del pregiudizio che ci stanno intorno. Ma allo stesso tempo devono darci coraggio, perché confermano che uno Stato ancora c’è, che in Italia ancora esiste la capacità delle istituzioni, o almeno di una loro parte, di distinguere ciò che è giusto da quel che è sbagliato. Qui non importa che siano bambini rom, importa che siano bambini. E se la legge dice che hanno diritto ad una casa è giusto che abbiano una casa: non si può pensare di dichiararli fuorilegge perché hanno un accento diverso dal nostro, usanze e tradizioni proprie, magari “troppi” figli. Tra parentesi papà Omerovic è bosniaco: la stessa nazionalità di Edin Dzeko, l’attaccante della Roma che fa esultare molti di quelli che oggi protestano. E’ un eterno paradosso.

E’ l’assurdo di chi chiede maggiore sicurezza, pene severe, giustizia certa, non più disordine, non sia mai campi rom e poi protesta quando un alloggio popolare viene assegnato – nel rispetto delle leggi – ad un nucleo familiare di 14 persone. Il principio è lo stesso di chi dice di combattere l’immigrazione e poi col decreto Sicurezza riempie le strade di nuovi “irregolari”. Un controsenso figlio del pregiudizio e dell’ignoranza, del razzismo e dell’intolleranza.

Le periferie romane, ma non solo quelle, hanno pieno diritto di protestare contro un’amministrazione incapace di metterle “al centro” delle proprie politiche. Ma affidarsi a gruppi come CasaPound ha un solo risultato: quello di passare immediatamente dalla parte del torto.

Salvini dice prima gli italiani. Di Maio avrebbe detto prima i romani. Noi diciamo un’altra cosa: mai i fascisti. Così non ci sbagliamo.

Siri, c’è il primo grande errore politico di Salvini

Tra poche ore conosceremo l’epilogo del caso Siri. Scopriremo cioè se il Consiglio dei ministri costituirà la fine del teatrino del governo o l’inizio della fine del governo.

Ma in questi giorni vissuti sulle montagne russe, tra un giustizialismo sfrenato (5 Stelle) e un garantismo fin troppo ostentato (Lega), è emerso un lato del carattere di Salvini che rischia di rivelarsi in futuro come il più grande dei suoi limiti: la mania di avere sempre l’ultima parola, anche quando non ci sono le condizioni per averla. L’arroganza tipica di chi non ammette di tornare sui suoi passi, neanche quando i suoi passi sono sbagliati.

Ora è chiaro che l’indagine su Siri abbia rappresentato per la Lega un motivo d’imbarazzo umanamente e politicamente difficile da gestire, mancherebbe altro. Ma la vicenda ha assunto fin da subito – complice il pressing M5s – una piega tale che la difesa ad oltranza del sottosegretario ai Trasporti è diventata col passare dei giorni un esempio di autolesionismo incomprensibile.

Detto che il garantismo è un valore a queste latitudini sempre più raro, assodato che la doppia morale 5 Stelle è sempre in agguato, la decisione di Salvini di impuntarsi su Siri non ha una spiegazione logica.

Molto semplicemente: se vuoi far cadere il governo, aprire la crisi immolandosi per un sottosegretario indagato per corruzione non è una mossa geniale. Potevi e dovevi farlo prima: sarebbe stato più credibile farlo sulla Tav, sarebbe stato più coerente farlo sulle autonomie, sarebbe stato più intelligente farlo sul reddito di cittadinanza e in conclusione sarebbe stato meglio non firmare proprio il contratto.

Se invece fai le barricate su Siri per differenziarti dalle aggressioni manettare dei pentastellati, se lo fai per occupare un campo, perché vuoi sostituire Berlusconi nell’elettorato di centrodestra anche per quanto riguarda la battaglia per il garantismo: bene, puoi farlo, ma la Giustizia non è mai stata in cima alle priorità degli italiani, è un gioco a perdere, non vale la candela.

L’unica lettura politicamente plausibile è quella onestamente più infantile: su Siri non si arretra di un millimetro dal momento che a volere la sua testa sono Di Maio e i 5 Stelle.

Dunque Salvini, pur di difendere la propria immagine di “uomo forte”, pur di non concedere lo scalpo di Siri, decide scientemente di entrare in un vicolo cieco. Ufficialmente per non consentire a Di Maio di fruire del dividendo, della spinta elettorale alle Europee che le dimissioni ordinate da Salvini gli garantirebbero. Sostanzialmente, però, facendo ancora più danni: perché la gente normale, quella che decide negli ultimi giorni chi andare a votare, quella che osserva senza i pregiudizi del tifoso, questa indisponibilità a scaricare un indagato per corruzione – o quanto meno a metterlo in panchina fino a quando la sua posizione non sarà chiarita -proprio non se la spiega.

La riflessione è che in tempi d’oro, come quelli che Salvini sta vivendo, il leader che non cambia idea, che non modifica le proprie opinioni costi quel che costi, viene vissuto dal “popolo” come un infallibile decisionista. Ma quando il vento gira, e prima o poi questo accade, quella stessa “qualità” viene interpretata come arroganza, tendenza al dispotismo, mancanza di autocritica, assenza dell’elasticità necessaria ad un “capo”.

Adesso è evidente che Salvini abbia commesso in questo primo anno da vicepremier diversi errori politici. Ma sono errori di governo e di visione, di costruzione di un Paese che si riscopre ogni giorno più incattivito e intollerante, più razzista e, se ce n’è l’occasione, pure fascista. Tanto se una cosa la dice Salvini, perché non posso pure io…no?

Sul caso Siri, però, va in scena il primo vero grande errore politico-mediatico, se così vogliamo chiamarlo, del Salvini leader di partito. Era un terreno scivoloso, bisognava giocare su un altro campo o non giocare affatto.

È un peccato d’arroganza, che Salvini ha commesso: ha creduto di poter vincere anche questa, come sempre era successo finora. Ricapiterà, perché è la sua indole priva di limiti e moderazione che glielo impone. L’incapacità di capire che “avere carattere” non significa sempre “dimostrare di avere carattere”.

L’onore delle armi

C’è il mito che barcolla. Quello dell’uomo che voleva vivere fino a 120 anni. Dell’indistruttibile Silvio, l’immortale con lo sguardo sempre rivolto al futuro. Per qualche ora il suo domani è stato incerto, coi medici del San Raffaele – Zangrillo in testa – dubbiosi sul fatto che il fisico di un 82enne fosse in grado di reggere un intervento complicato in anestesia generale. Ha avuto paura, Silvio. Molta. Ma alla fine è andata pure questa. E Berlusconi ne è uscito come ciò che è sempre stato: uno incapace ad arrendersi, anche quando la logica suggerirebbe il contrario.

Ora è chiaro che il Berlusconi politico ha avuto le sue colpe, è evidente che l’Italia che ha lasciato non è quella che ha promesso nel ’94, ma lo è pure che rispetto ad una stagione di nani politici la sua figura esce fuori come quella di un gigante.

Si è pensato per anni – a torto – che Berlusconi fosse il male assoluto, il Diavolo da eliminare dalla faccia della Terra, se possibile anche fisicamente. Si è scelto – sbagliando – di fomentare l’odio, di demonizzare l’avversario dipingendolo come il peggio esistente in politica. Si è preferito parlare dei suoi errori, piuttosto che dei propri valori. Si è in questo modo preparato il terreno all’ascesa dell’anti-politica e dei populisti, si è seminato l’odio e l’ignoranza che oggi raccogliamo.

La definizione migliore di Silvio Berlusconi, oggi, sta in una domanda. Quella che gli ha fatto il suo medico dopo l’intervento: “Ma chi te la fa fare?“. Non c’è motivo logico perché un uomo con la sua storia e nelle sue condizioni decida di sbatacchiarsi da una parte all’altra in cerca di voti. E chi parla della necessità di difendere le aziende non conosce la solida realtà di Mediaset. Non c’è amico fidato che abbia rinunciato a sconsigliarlo dal candidarsi, consapevole che il rischio di un tonfo è lì, dietro l’angolo, il pericolo di una fine poco gloriosa fin troppo concreto.

Ma è lì che sta, nell’atto di disobbedienza ai figli che gli chiedono di mettere davanti la salute, nella scommessa che Forza Italia supererà il 10%, l’essenza dell’uomo di Arcore. Uno che uscendo di scena meriterà comunque un plauso al coraggio, pure dai nemici di sempre. L’onore delle armi.

Come Gomorra

L’agguato a due passi da piazza Nazionale, in pieno giorno, è un fatto gravissimo. C’è una bambina di 4 anni che passeggiava insieme alla nonna, alla mamma e ad un’amichetta, e adesso lotta tra la vita e la morte con un proiettile conficcato nei polmoni. Non siamo nel Far West, siamo a Napoli. Ma pare la stessa cosa.

Chi ha visto le immagini del luogo transennato dalle forze di polizia nei tg ha avuto un’impressione molto netta di déjà-vu. I motivi sono almeno due: il primo è che di agguati simili, di spari tra la folla, Napoli negli ultimi mesi ne ha visti parecchi. Il secondo è che sembrava di essere sul set di Gomorra.

Questa volta però Saviano non c’entra. Non si tratta di discutere su chi ha ragione nell’ultima diatriba tra lui e Salvini. Piuttosto si tratta di capire se quest’ultimo svolge adeguatamente il suo ruolo da ministro dell’Interno. Dei 600 agenti di polizia promessi alla vigilia delle sue visite passerella nello splendido capoluogo partenopeo non c’è traccia.

Il caso vuole che proprio ieri, prima della sparatoria, per schivare le domande sul caso Siri, Salvini abbia dichiarato: “Mi occupo di tasse, sicurezza, droga, immigrazione, lavoro”. Tolto forse il capitolo immigrazione – dove ha vinto alcune battaglie perdendo di vista l’esito finale della guerra – non c’è italiano che possa dire di aver riscontrato dei miglioramenti grazie al lavoro di Salvini in ambito di tasse, sicurezza, droga e lavoro.

Napoli non merita di essere presa in giro. E’ così fragile che le bugie vengono subito a galla. Scrivere su Twitter l’hashtag #lamafiamifaschifo non risolverà il problema della camorra. Promettere agenti e poi non inviarli non servirà a far sentire più sicuri i suoi cittadini. Salvini smetta di fare campagna elettorale, faccia il ministro. Se ne è capace.

Il futuro dopo Siri: c’è l’embrione di un nuovo governo

Dietro la conferenza stampa di Giuseppe Conte sul caso Siri non si cela soltanto la fretta del MoVimento di risolvere una questione imbarazzante per l’auto-proclamato “governo del cambiamento”. Né la questione è catalogabile solo come la volontà di Di Maio e Conte – sempre più premier M5s – di esibire lo scalpo di un fedelissimo di Salvini ai propri elettori e ringalluzzirli in vista delle elezioni Europee. C’è certamente questo, ma non solo.

La manovra di ieri rivela una volta di più che la frattura tra Di Maio e Salvini non è ricomponibile. Dopo le Europee verrà scelto dal leader della Lega un casus belli per rompere il patto di governo.

Non è convenienza di Salvini sacrificare l’esecutivo sull’altare di Siri. In primis perché – per quanto si possa essere garantisti – non v’è certezza che il sottosegretario sia innocente come dice. Impostare poi una campagna elettorale sull’indisponibilità a rinunciare ad un sottosegretario indagato per corruzione significherebbe un clamoroso autogol.

Da questo ragionamento ne deriva un altro: se questo governo cade è chiaro che non potrà ripresentarsi dopo le nuove elezioni Politiche identico a se stesso. E qui sta l’accelerazione di Conte. Il MoVimento 5 Stelle ha deciso di occupare l’arco sinistro del Parlamento. La “sfrontatezza” con cui si decide di stuzzicare Salvini nelle ultime settimane è figlia di una sicurezza che il leader della Lega non ha: la possibilità di una maggioranza alternativa dopo le urne.

Qui interviene il Pd di Zingaretti. Perché sono sempre di più i segnali che lasciano intravedere la volontà di un dialogo tra le parti. Un sondaggio di Porta a Porta dice che il 54% degli elettori dem sarebbe disponibile ad un’alleanza coi 5 Stelle. Poco più di un elettore su 2. Una percentuale che dà l’idea della spaccatura all’interno del partito sulla questione. E che prefigurerebbe la nascita di un nuovo partito di stampo centrista di Renzi.

Di questa exit strategy non dispone, ancora, Matteo Salvini. Se il MoVimento 5 Stelle può permettersi di forzare, consapevole che prima o poi a strappare sarà la Lega per capitalizzare il proprio consenso, d’altro canto Salvini ha ancora un problema: Silvio Berlusconi. Fiaccato com’è da un intervento chirurgico non banale, recluso al San Raffaele e impossibilitato a lanciarsi in una campagna elettorale che sarà decisiva per la sua sopravvivenza politica, è ancora il Cavaliere il freno alle ambizioni di Salvini. Una Forza Italia marginale, ampiamente sotto il 10%, darebbe a Salvini la possibilità di lanciarsi nel suo progetto di nuovo destra-centro, costituendo un’alleanza che vedrebbe in Toti e Meloni le sue stampelle.

Fino al 27 di maggio, però, questo scenario è bloccato, sospeso. Ne deriva un vantaggio di tempo per Di Maio, autorizzato fin da ora a bombardare il suo alleato di governo, nella speranza che le Europee vedano primeggiare il M5s rispetto al Pd e gli consentano di arrivare alle Politiche, presumibilmente in autunno, con lo slancio di chi intende esprimere, dopo l’accordo con Zingaretti, il nome del prossimo premier.

Questo è lo scenario, la strategia. C’è l’embrione di un nuovo governo. Che gli italiani lo sappiano, almeno.

“Polizia, carabinieri. Polizia, carabinieri”.

Ho aspettato qualche giorno per scrivere di Antonio Stano, il pensionato di Manduria morto dopo essere stato torturato per anni da una baby-gang. L’ho fatto per capire se quel senso di turbamento sarebbe prima o poi passato. Se le immagini di quei vigliacchi che lo attaccano da tutti i lati mentre ridono e sghignazzano avrebbero lasciato il posto ad un senso di rassegnazione amara, di assuefazione a questa società degradata. Ma non è successo.

Mi sono chiesto a cosa servisse mandare in onda quel video a ripetizione. Che senso avesse. Non l’ho trovato. Era il dramma di un uomo fragile. Vittima prima di se stesso e poi degli altri, accerchiato come un animale da un branco di iene che ridono prima di azzannarlo. Ma due parole mi hanno toccato più di altre:”Polizia, carabinieri. Polizia, carabinieri”.

Pure quell’uomo prigioniero della sua mente e dei suoi aguzzini aveva chiaro che l’unico a poterlo salvare dalla ferocia ignorante, dall’indifferenza dilagante, era lo Stato. “Polizia carabinieri, polizia carabinieri”. Antonio Stano lottava come poteva, mentre quei vandali intorno a lui se ne facevano beffe, ignari che la ruota gira, che un giorno in quelle condizioni potrebbe trovarcisi un loro padre, una loro madre.

E proprio i genitori sono a mio avviso i colpevoli principali di questa terribile storia. Perché non c’è scusa che tenga, dipendenza dagli smartphone che dir si voglia, difficoltà a comunicare tipica di questa età e di questi tempi che possa giustificare l’incapacità di un padre o di una madre di capire ciò che sono diventati i propri figli: dei delinquenti.

In questo momento storico il governo taglia i fondi per la Scuola, per l’istruzione. Io penso sia il caso di rilanciare, di raddoppiare gli sforzi. C’è un bisogno di cultura che fa spavento: c’è bisogno di cultura per scacciare la paura. Si pensi allora all’istituzione di una scuola per genitori, anche con un incentivo alla frequenza. Si mettano al suo interno esperti, psicologi, le migliori forze ed esperienze di questo Paese investano in questo progetto a lungo termine. Basterebbero 2 ore a settimana. Per confrontarsi, per imparare il mestiere più difficile che esista, per entrare in possesso dei codici che servono a comunicare con i più giovani.

Perché il problema non è Manduria. Il problema è l’Italia, è questo folle mondo. Ne ha fatto le spese Antonio Stano. E quelle urla: “Polizia, carabinieri. Polizia, carabinieri”, è giusto ci perseguitino. Ma almeno non invano.

Ma quale Festa del Lavoro?

Troppo facile dire “buona festa del Lavoro” e poi accendere la tv, buttare gli occhi sullo smartphone, far finta che il Primo Maggio sia una domenica, un giorno buono per stare a casa e riposare. Diciamocele le cose vere, le cose come stanno: c’è poco da festeggiare. Sì, chi vuole vada al Concertone, chi può ne approfitti per una gita al mare, per una scampagnata con gli amici, per un pranzo coi figli. Ma poi guardiamoli i numeri, ragioniamoci sulle cose.

Perché non può passare in sordina che nel 2019 andare a lavorare a Crotone rappresenti una sorta di avventura. Dati dell’Osservatorio Statistico dei Consulenti del lavoro su base Inail: “Il maggior numero di infortuni mortali di lavoratori si registra nella provincia di Crotone (6,3 ogni mille) e, a seguire, nelle province di Isernia (5,9‰) e Campobasso (4,7‰)“. Il Sud abbandonato, il Sud che si affida al potente sbagliato, il Sud delle promesse tradite guida anche la classifica per il numero assoluto di malattie cancerogene imputabili all’attività lavorativa: c’è Taranto in vetta. E il guaio è che non sorprende.

Ci avevano raccontato che l’Italia era una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Ora col governo Di Maio-Salvini abbiamo scoperto che siamo un Paese fondato sul divano, il cui pilastro è il reddito di cittadinanza. Espressioni come “diritti dei lavoratori” chissà per quale motivo sono diventate appannaggio dei soli sindacalisti, sempre più autoreferenziali, sempre più incapaci di rappresentare le istanze di chi nel proprio lavoro ci crede, anche perché non ha alternativa: perché la società in cui saranno i robot a lavorare per noi non è ancora arrivata. Qualcuno informi Casaleggio.

E poi ci sono le donne, queste dimenticate. Perché a furia di parlare della teoria del gender poi si dimentica di parlare di una questione più urgente, che risponde al nome di gender gap. C’è la differenza che passa dallo stipendio di una donna e quello di un uomo che ricoprono la stessa mansione. C’è la discriminazione che riguarda le donne in età per mettere al mondo dei figli, quelle che vengono scartate dopo una rapida occhiata all’anno di nascita sul curriculum. Puoi diventare mamma? Sei fuori.

Ci sono i precari del lavoro, che poi sono anche i precari nella vita. Ci sono i ragazzi che il posto fisso è solo un ritornello dei film di Zalone, che 800 euro al mese sono una manna dal cielo. Ci sono i fidanzati che aspettano da dieci anni l’anno buono per fare il matrimonio, e non arriva mai. Ci sono quelli che di aprire un mutuo non se ne parla, che “mica abbiamo un lavoro stabile”. Ci sono quelli che programmano i figli: forse il 2020, o il 2021, male che va il 2022…

Ci siamo noi, in fondo. Quelli che il gusto di dirsi: “Buon Primo Maggio” non l’hanno perso. Ma poi ci riflettono su questa “Festa” e oggi più che mai dicono: “Festa sì, ma di quale Lavoro”? Forse ho capito. Forse la festa è solo per “loro”.

Sta nascendo il PDi Maio?

L’indole di una certa sinistra è la stessa da sempre: il fascino esercitato dal potere è per alcuni dirigenti irresistibile. Ma cercare di tornare alla guida del Paese aggirando il problema del consenso è un errore tragico, come il piano che sta balenando nella mente di alcuni politici del Pd, impegnati in tentativi di abboccamento a dir poco comici nei confronti del MoVimento 5 Stelle.

Graziano Del Rio è una persona seria, ma le sue parole a “La Stampa” dovrebbero preoccupare non poco gli elettori che hanno votato Partito Democratico con la consapevolezza di essere “altra cosa” rispetto ai pentastellati.

I sospetti che fin da subito hanno accompagnato l’elezione a segretario di Nicola Zingaretti sembrano confermati dai movimenti delle ultime settimane. Del Rio che porge la mano ai 5 Stelle e si dice disposto a discutere su temi come salario minimo, conflitto di interessi e taglio dei parlamentari pensa di fare “qualcosa di sinistra”, ma sfoderare il repertorio di Nanni Moretti non basta a restituire rappresentanza ad un popolo.

Bisogna uscire da un equivoco: il MoVimento 5 Stelle, che si è sempre definito una forza post-ideologica, non è “la nuova sinistra” come azzardò assurdamente Eugenio Scalfari qualche tempo fa. Piuttosto è corresponsabile di un governo di estrema destra che sta distruggendo il Paese.

Qualche mese fa fu Renzi ad evitare che il Pd consegnasse il centrosinistra ai 5 Stelle. Ora quel salvagente non c’è più. Se da una parte l’intervista di Del Rio può essere letta come il tentativo di incunearsi tra MoVimento 5 Stelle e Lega per farne esplodere le contraddizioni, dall’altra c’è il rischio concreto che questa manovra si configuri come attività di preparazione del terreno in vista di future alleanze, anche senza nuove elezioni ma con un semplice cambio di maggioranza in caso di caduta del governo.

L’obiettivo del Pd, detto da chi non è del Pd, dev’essere sconfiggere il MoVimento 5 Stelle, non esserne la stampella. Dimostrare che la buona politica vince sull’anti-politica, che i progressisti sono meglio dei populisti.

Scegliere di rincorrere Di Maio, oltre a portare all’auto-distruzione, conduce anche all’umiliazione. Basta leggere la replica che il capo grillino ha riservato all’apertura di Del Rio:”Se il Pd vuole votare quelle proposte avrà l’occasione di redimersi da quanto non ha fatto in questi anni”.

Porgere la mano è diverso che porgere la guancia. Il Pd provi a fare il Pd. Non ceda alla tentazione di fondare il PDi Maio.

Salvini e 23 miliardi di bugie per comprare gli italiani

Matteo Salvini l’ha sparata grossa. E il mitra stavolta non c’entra. Siamo nel campo delle illusioni, ma la portata dell’ultima promessa è talmente spropositata da meritare un approfondimento.

Si parla dell’aumento dell’Iva e degli ormai famosi 23 miliardi da trovare per evitarne l’aumento. Salvini presenta la sua ricetta a ‘La Stampa’: “Sono serenissimo. Perché credo il 27 maggio l’Europa cambierà approccio. Lo sanno anche la Merkel e Macron, i finlandesi o gli spagnoli che domani vanno a votare. La politica europea va rivista interamente. Vedrete che dopo le elezioni nessuno ci verrà a chiedere 23 miliardi“.

Ora, a parte che “stare sereni” in politica ha dimostrato di non portare particolare fortuna, ma il messaggio che traspare da una frase di questo genere è chiaro: “Votate la Lega e nessuno dall’Europa ci chiederà quei soldi”. Bugie su bugie, 23 miliardi di bugie.

Ne elenchiamo un paio. La prima è frutto di un’amnesia. Di sicuro Salvini ha dimenticato che non è stata l’Europa a chiedere all’Italia di mettere nero su bianco l’aumento dell’Iva, ma il suo governo. Basta leggere il Def, citofonare Tria, via XX Settembre, Roma.

La seconda bugia specula sulla disinformazione di tanti italiani. Si chiamano elezioni Europee perché vota tutta l’Europa. Questo significa che Salvini e i 5 Stelle – e con loro tutti i partiti euroscettici che si candideranno in Francia, in Spagna, in Germania e così via – nel migliore dei casi controlleranno il 25% dei seggi dell’intero Europarlamento. Popolari europei, socialdemocratici e i liberali dell’Alde grazie all’ingresso di Macron, avranno la maggioranza in Europa anche dopo il 26 maggio. Lo dicono tutti i sondaggi. Salvini si metta l’anima in pace: il voto alla Lega è l’emblema del voto inutile.

È all’interno di questo contesto che bisogna inserire le promesse di Salvini. Chiamarla mancia elettorale è fargli un complimento. Questi 23 miliardi non sono nelle sue disposizioni. Se vuole comprare gli italiani provi almeno a farlo coi suoi soldi. Basterebbero 49 milioni.